twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Giu 282018
 

Dal blogger russo Eldar Murtazin, che sostiene di aver già avuto l’occasione di provare un prototipo, oggi arrivano nuove conferme in merito al tanto atteso Galaxy Note 9.

Dal punto di vista estetico viene descritto esattamente come il predecessore Note 8, con l’unica differenza che sul retro il sensore delle impronte digitali è stato spostato al centro come per i Galaxy S9.
Rispetto a questi ultimi modelli però la disposizione delle due fotocamere (a doppia apertura variabile e con stabilizzatore migliorato) è sempre orizzontale (in pratica tutto come nei render di OnLeaks).

Il Note 9 gli è sembrato però più pesante, ciò a causa della nuova batteria da 4000 mAh prevista da Samsung.

Per lo schermo SuperAmoled del Note 9 Murtazin sostiene che la luminosità massima è leggermente aumentata rispetto a quello dei Galaxy S9, ma la qualità sembra essere la stessa.
In compenso è presente una nuova modalità Always On Display.

Dal punto di vista hardware conferma i 6 GB di memoria RAM e come taglio minimo della memoria interna i 128 GB. Samsung ha però previsto anche varianti con tagli da 256 GB e 512 GB (con 8GB di Ram).

The basic version of the device goes to 6/128 GB, also available are 8/256, 8/512 GB, everywhere there are memory cards. As before, there is a clear division, for the US and South Korea, the smartphone goes to Qualcomm, for the rest of the world on Exynos. Performance is maximum, in synthetic parrots it is one of the fastest devices.

Per Murtazin le maggiori novità vengono dalla SPen, che si è arricchita del supporto al Bluetooth aprendo a nuovi scenari di utilizzo. Tra le nuove funzionalità ce ne sarà anche una che permetterà di sbloccare il telefono.

Alla fine però quanto riportato dal blogger russo altro non è che un riassunto delle varie indiscrezioni emerse fino ad oggi sul Note 9 (quelle della SPen circolano già da diverse settimane su Weibo), inoltre non è la prima volta che finge di aver in mano in anteprima un nuovo Galaxy (pratica molto diffusa e che in passato gli è anche costata un’epica figuraccia).

Per scoprire tutto sul Galaxy Note 9 non ci resta che attendere il 9 agosto quando Samsung lo presenterà ufficialmente.

AGGIORNAMENTO:
Nel suo articolo Murtazin ha parlato anche di Bixby 2.0, descritto come non ancora completato e non ancora disponibile per nuove lingue (pure in Inglese appare “estremamente troncato“).
Quanto già esiste è stato però ritenuto sufficientemente maturo e per il tempo rimanente gli è stato promesso che sarà tutto pronto.
Inoltre, sempre secondo quanto da lui riportato, Samsung avrebbe combinato tutto sotto un unico servizio cloud per migliorare le tecnologie di apprendimento e creare nuovi scenari di utilizzo per l’utente.
Purtroppo anche su questo argomento è rimasto vago e generico.

 

fonte mobile-review.com