Il presidente di Samsung Mobile ci spiega perché la batteria del Note 8 è più piccola e perché manca l’effetto wow

In un’intervista rilasciata ai media koreani, il presidente della divisione Samsung Mobile Koh Dong-jin ha provato a spiegare i motivi dietro ad alcune decisioni prese nella progettazione del Galaxy Note 8 oggetto di numerose critiche.

Le più diffuse riguardano ovviamente la batteria, che nel Note 8 rispetto al modello predecessore Note 7 (3500 mAh) è stata ridotta a 3300 mAh.

Le giustificazioni fornite in merito da DJ Koh sono diverse.
La prima è che i processori a 10 nanometri impiegati hanno un’efficienza energetica migliore del 30% rispetto a quelli dello scorso anno.
Inoltre grazie ad apposite funzioni software (es. modalità prestazioni, modifica risoluzione, modalità di risparmio energetico) gli utenti hanno la possibilità di regolare il consumo della batteria in base alle proprie esigenze.

Con una batteria del genere inoltre Samsung può garantire la sicurezza del dispositivo e, cosa non trascurabile, grazie alle nuove tecnologie usate la sua capacità originale rimarrà superiore al 95% anche dopo 2 anni di utilizzo (proprio come quella dei Galaxy S8).

A Koh Dong-jin è stato anche chiesto cosa ne pensa delle critiche ricevute sulla mancanza nel Note 8 di vere caratteristiche “wow“.

La risposta è stata che Samsung più che introdurre novità fini a se stesse, con il Note 8 ha preferito concentrarsi sul miglioramento della linea Note ascoltando i pareri dei suoi utenti.

Sono risposte che vi convincono?

 

via theinvestor.co.kr