Note 7: per gli analisti ora a fatica riuscirà a superare il 60% delle vendite del Note 5. E chi lo ha acquistato preferisce un rimborso o passare ad Apple

E’ ancora presto per riuscire a capire le esatte conseguenze che la vicenda del problema batteria avrà sulla diffusione del Note 7 a livello globale, ma come era facilmente intuibile fin dall’inizio, il successo dello smartphone è ormai compromesso.

Se gli analisti subito dopo la fase del lancio parlavano addirittura di un record per la serie Galaxy Note con ben 15 milioni di unità vendute entro la fine del 2016, ora i numeri sono completamente diversi.

note-7-foto-spen

Per la società di ricerca BayStreet Research infatti Samsung difficilmente riuscirà a raggiungere il 60% delle vendite ottenute con il modello predecessore Note 5, ciò nonostante questa volta la commercializzazione riguarderà anche il mercato europeo.

Invece secondo i sondaggi di SurveyMonkey effettuati negli Stati Uniti tra coloro che lo hanno già acquistato, soltanto il 18% aspetterà la sostituzione, mentre il 35% preferisce avere il rimborso e ben il 26% intende passare ai nuovi iPhone 7 (il restante 21% rimarrà sempre in casa Samsung).

Vedremo quali saranno le contromisure che adotterà Samsung.

 

via sammobile.compcmag.com