Guida al root del Galaxy S2 con i CF-Root

 

A PARTIRE DA JELLY BEAN LA GUIDA DA SEGUIRE
E’ QUELLA DEI PHILZ KERNEL

–  L I N K  –

 
In questa guida vedremo come rootare il Galaxy S2 in maniera rapida. Per abilitare i permessi di root sul Galaxy SII ci serviremo del kernel CF-Root di Chainfire, il metodo più sicuro e affidabile esistente al momento.

Ricordiamo brevemente che con il termine root nel mondo android ci si riferisce alla possibilità di ottenere i privilegi di root, ossia l’amministratore dei sistemi linux, per concederli alle applicazioni che li richiedono.

ATTENZIONE:
Effettuare il root invalida ufficialmente la garanzia.

Leggete prima la guida per intero e poi seguite i vari passi uno alla volta.
Assicurarsi che sul pc siano installati i driver del Galaxy S II (basta avere Kies ).
La procedura per il root del Galaxy SII non cancellerà i vostri dati,
ma è sempre consigliato un backup.

  1. Se non già presente sul pc scaricare il tool Odin ed estrarre l’eseguibile in C:\.
  2. Ora scaricare il kernel CF-Root di Chainfire ed estrarre il contenuto del file zippato in C:\.
    Ogni firmware richiede la sua specifica versione.
    Potete trovare i più comuni negli elenchi della sezione firmware.Per verificare la versione del firmware attualmente installata digitare da tastierino telefonico il codice *#1234# (voce pda).
    Se non trovate nella tabella quello adatto, prendete allora la versione che corrisponde almeno alla penultima e terzultima cifra del firmware (es. I9100XWKE7 = NEE_KE6).
  3. Avviare Odin e nel campo PDA inserire il file .tar del kernel CF-Root appena scaricato.
    Odin deve essere configurato come nella seguente figura, quindi non occorre fare altro.

  • Mettere in Download Mode il Galaxy SII e collegarlo al pc con il cavo usb.
    Attendere che il telefono venga riconosciuto da odin (vedi immagine seguente).
    In caso contrario provare a chiudere e riaprire Odin riconfigurandolo e rimettere in Download Mode il telefono.
  • Avviare la procedura di root cliccando sul pulsante Start. Il telefono si riavvierà da solo e sarà possibile staccarlo dal pc.
  • Il root è stato effettuato. Come conferma troverete all’interno del menù applicazioni due nuovi programmi: CWM (per la gestione della ClockWorkMod Recovery) e Superuser o SuperSu (necessario per garantire alle applicazioni i privilegi di root).
  • Quando un’applicazione richiederà i permessi di root vedrete comparire un avviso e la possibilità di accordare o negare tale possibilità.
  • Non preoccupatevi se ad ogni riavvio vi ritroverete ora con un triangolo giallo di pericolo. Come spiegato in Alcune avvertenze su root, installazione rom cucinate e utilizzo di odin di un avviso introdotto da Samsung sul Galaxy S2.

 

 

Per eliminare invece i diritti di root le procedure possibili sono due:

  1. ripristinare il kernel stock del firmware Samsung, seguendo la guida LINK
  2. oppure, metodo molto più rapido, reinstallare sopra il firmware senza effettuare nessun hard reset.
    Questo permetterà di ripristinare il kernel e lasciare tutti i dati, programmi e la configurazione utente.

 

A PARTIRE DA JELLY BEAN LA GUIDA DA SEGUIRE
E’ QUELLA DEI PHILZ KERNEL

–  L I N K  –