JellyBam, un perfetto mix tra Cyanogen, AOKP e Paranoidandroid

 

Se per voi non è affatto un problema dover rinunciare alla personalizzazione Samsung e siete tra coloro che sono sempre indecisi su cosa scegliere tra le varie alternative AOSP, allora la JellyBam è proprio la rom che fa per voi.

Si tratta di un mix ben studiato tra le Cyanogen, le AOKP e la Paranoidandroid basato sull’ormai consolidato Android 4.1.2.
Nata inizialmente per il Galaxy S2, oggi JellyBam è disponibile per tantissimi dispositivi (non soltanto Samsung).
Gli autori sono due italiani, iGio90 e Bliss.

Appena installata la rom risulta già pronta all’uso, senza la necessità di installare le gapps aggiornate o la versione più recente del Flash Player.

Per quanto riguarda il launcher, potrete optare per la TouchWiz del Galaxy S3 oppure, se preferite lo stile dei Nexus, il Trebuchet .

Nelle ultime versioni la velocità e fluidità raggiunte sono davvero ottime. Mai nessun impuntamento e la reattività si dimostra sempre al top.
E’ davvero difficile rimanere delusi dalle sue prestazioni.

 

Ma il vero punto di forza della JellyBam è la personalizzazione.
Il team è riuscito a far convivere in un’unica rom il versatile pannello di controllo delle AOKP, quello innovativo della Paranoidandroid e infine le tipiche impostazioni delle CyanogenMod.

Su dispositivi con risoluzioni elevate, come il Galaxy S3 o Note 2, vale forse la pena provare l’interfaccia in stile Phablet o Tablet (vedi esempi)


Le modifiche apportate dal team della JellyBam sono davvero tante.
Evitiamo di elencarle perchè questa rom viene aggiornata frequentemente, sempre con nuove migliorie o funzionalità.

Fortunatamente, grazie all’Update Me, è possibile installare le nuove versioni direttamente dal telefono.

 

Troverete i link per il download direttamente presso il sito ufficiale bam-android.com, con l’elenco di tutti i dispositivi supportati.
Per l’ installazione rimane valida la procedura riportata nelle guide presenti nel nostro sito.
Se provenite da una qualsiasi altra rom vi raccomandiamo di effettuare un hard reset.

 
Google has deprecated the Picasa API. Please consider switching over to Google Photos