Galaxy S7: i primi test sulla gestione della RAM evidenziano miglioramenti ma il multi tasking non è ancora eccezionale

Un problema particolarmente sentito da molti possessori di uno smartphone Galaxy degli ultimi anni (ma non solo loro) è quello della gestione aggressiva della memoria RAM durante l’utilizzo del multi tasking. In pratica richiamando un’app parcheggiata in background, anche se soltanto da poco, il sistema tende spesso a ricaricarla da zero.

Problema che noi abbiamo riscontrato per la prima volta sui Note 4 ma che con gli aggiornamenti Lollipop si è poi diffuso anche sui Galaxy S5 e Galaxy S4, senza risparmiare neppure i Galaxy S6 e i Note 5.

Ma anche i nuovi Galaxy S7 con i loro 4 GB di RAM di tipo LPDDR4 ne sono affetti?

A cercare di rispondere a questa domanda ci ha pensato subito Erica Griffin, redattrice di Xda.
Il test effettuato è quello solito, ossia aprire in sequenza una serie di programmi e giochi per poi richiamarli in un secondo momento.

Da come si può vedere rispetto al passato le cose sembrano essere migliorate in quanto i refresh delle app richiamate ora sono molti di meno nonostante la presenza di giochi impegnativi.
I risultati però non possono ancora considerarsi eccezionali perché in alcuni casi il sistema tende sempre a ricaricare i programmi da zero, come ad esempio avviene con il browser web.

Certamente occorre considerare il Galaxy S7 Edge utilizzato è un modello di esposizione con a bordo molto probabilmente un software non ancora ottimizzato.

Altri articoli sul problema:

 

si ringrazia per la segnalazione Antonio Schiera