Samsung Pay da oggi sbarca anche nel Regno Unito, ma con anni di ritardo rispetto a Apple Pay e Android Pay

Continua a diffondersi sempre di più Samsung Pay, il servizio lanciato da Samsung nel 2015 che grazie alla tecnologia MST permette ai più recenti modelli Galaxy di fascia alta di essere visti come delle vere e proprie carte di credito dai POS dei negozi.

Dopo aver da poco raggiunto Svezia, Svizzera, Emirati Arabi Uniti e HongKong, da oggi è ufficialmente disponibile anche nel Regno Unito, dove gli utenti possono utilizzarlo per memorizzare le informazioni delle principali carte di credito e di debito MasterCard e Visa emesse dagli istituti Santander, Nationwide e Mbna.

Sebbene Samsung Pay possa considerarsi uno dei servizi per i pagamenti elettronici più interessanti, gli analisti ritengono che sia ormai troppo tardi per Samsung riuscirsi ad imporre in questo mercato.

Nel Regno Unito ad esempio il servizio di pagamenti elettronici della Apple, Apple Pay, è già disponibile dal luglio 2015, mentre quello di Google, Android Pay, può essere utilizzato dal maggio 2016.

Per riuscire ora a convincere gli utenti Android a passare a Samsung Pay Samsung dovrà pensare ad una serie di incentivi particolarmente attraenti.

Ricordiamo che per quanto riguarda l’Italia Samsung Pay è previsto solamente per la fine del 2017 o al massimo per i primi mesi del 2018

 

fonte Samsung, via theguardian.com