Samsung riesce a portare Samsung Pay anche in Tailandia (ma non ancora in Italia). Intanto negli USA vanno meglio Apple Pay e Android Pay

Seppur molto a rilento continua ad espandersi per il mondo Samsung Pay, il servizio per i pagamenti da smartphone della Samsung nato nel marzo del 2015.

Nella giornata di oggi il produttore koreano ha infatti annunciato il suo lancio effettivo anche in Tailandia (dove era stato presentato a fine ottobre 2016), paese che di recente ha avviato un importante piano per favorire i pagamenti elettronici non solo per l’acquisto di beni e servizi, ma anche per la riscossione delle tasse.

Ricordiamo che al momento Samsung Pay risulta essere già attivo negli Stati UnitiCorea del Sud, Cina, Australia, Singapore, Spagna, Porto Rico, Brasile, Malesia e Russia, mentre per quanto riguarda l’Italia non c’è ancora nessuna data per il suo arrivo.

Purtroppo però gli ultimi dati provenienti dagli USA non sembrano affatto promuoverlo visto che gli store americani per i pagamenti da smartphone puntano di più sui sistemi concorrenti Apple Pay e Android Pay.

Qui tutte le altre notizie su Samsung Pay.

 

fonte Samsung, nfcworld.com