Con i Note 8 debutterà la nuova piattaforma Samsung Knox 2.9, prevista anche per i precedenti modelli. Ecco le novità

Solitamente con l’arrivo di un nuovo modello top di gamma o di un importante aggiornamento Samsung fa debuttare sui suoi Galaxy anche una nuova versione di Samsung Knox, una piattaforma hardware e software che assicura un livello di sicurezza maggiore rispetto a quello offerto di base dal sistema operativo Android.

Con i Note 7 era arrivato Samsung Knox 2.7, con i Galaxy S8 Samsung Knox 2.8 e ora con i Note 8 arriverà Samsung Knox 2.9.

Per quanto riguarda gli utenti finali, le novità previste sono principalmente due:

  • possibilità di effettuare il backup del contenuto dell’ambiente virtuale Secure Folder (Area Personale) da remoto e nel caso il telefono sia stato perso o rubato anche cancellarlo
  • grazie alla nuova funzione App Permission Monitor possibilità di ricevere notifiche quando ci sono applicazioni installate sul telefono che tentano di accedere in background alla fotocamera, al microfono, alle schermate o agli SMS

Per le imprese è previsto invece un nuovo SDK, la possibilità di controllare più nel dettaglio l’utilizzo della porta USB e nuove misure per l’analisi del traffico di rete.

La nuova versione di Knox sarà poi in grado di isolare e randomizzare (ASLR) gli indirizzi della memoria delle app di sistema in maniera separata da quelle non di sistema. Inoltre non permetterà più alle app di occupare spazi di memoria contigui. Tutte misure che dovrebbero rendere più sicuro il sistema contro gli exploit e qualsiasi tipo di codice malevolo.

Samsung Knox 2.9 sarà presente in tutti i nuovi prossimi modelli Galaxy che Samsung commercializzerà nel corso dell’anno e verrà resa disponibile tramite aggiornamenti software anche ai modelli precedenti, a condizione però che abbiano una versione di Knox pari o superiore alla 2.4.