I Super Amoled dei Galaxy S7 promossi da DisplayMate: ben 855 nits e una gestione della luminosità automatica innovativa

Anche quest’anno con i suoi nuovi top di gamma Samsung è riuscita a compiere importanti passi avanti con la sua tecnologia Super Amoled, ormai apprezzata anche dalla concorrenza.

Secondo infatti le analisi dei laboratori di DisplayMate i display dei Galaxy S7 riescono a fare meglio di quelli dei Galaxy S6, soprattutto per quanto riguarda il valore di luminosità massima che passa da 784 cd/ma ben 855 cd/m (sui Note 5 si era arrivati a 861 cd/m2).

luminosita schermo galaxy s7

Un valore che si farà apprezzare sicuramente quando si guarda lo schermo sotto la luce diretta del sole.

galaxy s7 luce sole

Per quanto riguarda invece la luminosità minima abbiamo sempre il valore di soli 2 cd/m2.

luminosita minima schermo galaxy s7

Ricordiamo che con i Galaxy S7 la risoluzione rimane sempre di 2560 x 1440 pixels (2.5K  Quad HD), con una matrice a diamante dove si hanno 1,8 milioni di sub-pixel rossi e blu e 3,7 milioni di sub-pixel verdi.

Riconfermata inoltre la buona resa energetica dei SuperAmoled, in linea con i Galaxy della passata generazione.

efficienza energetica amoled galaxy s7

La vera novità quest’anno è la nuova tecnologia di gestione della luminosità automatica chiamata Personalized Automatic Brightness Control, a detta dei tecnici di DisplayMate nettamente più efficace rispetto a quella presente in tutti gli altri smartphone, tablet e TV.

Con i Galaxy S7 quando l’utente attiverà la luminosità automatica e la personalizzerà attraverso l’apposita barra di controllo, il sistema ricorderà l’impostazione scelta associandola al livello di luce ambientale attuale misurato da un sensore posto vicino alla fotocamera frontale (ALS – Ambient Light Sensor).

luminosita automatica

In questo modo quando in un altro momento verrà rilevato lo stesso livello di luce ambientale, il sistema regolerà la luminosità sulla base del valore preferito dall’utente e non uno che il più delle volte risulta troppo alto o basso.

Per chi volesse conoscere i risultati completi dell’analisi tecnica di DisplayMate può consultare direttamente l’articolo originale (in lingua inglese).

articoli correlati:
analisi DisplayMate Note 5
analisi DisplayMate Galaxy S6
analisi DisplayMate Note 4
analisi DisplayMate Galaxy S5
analisi DisplayMate Note 3