5 pro e contro dei Galaxy S6 dopo sei mesi di utilizzo by androidgalaxys.net

Dopo circa sei mesi di utilizzo quasi quotidiano, di seguito abbiamo deciso di condividere con tutti voi quelli che per noi sono i cinque principali aspetti positivi e negativi dei nuovi Galaxy S6 della Samsung.

PRO

1. Reattività e fluidità del software

Il lavoro di ottimizzazione compiuto dalla Samsung con i nuovi Galaxy S6 è davvero degno di nota e non possiamo che iniziare citando proprio la fluidità e reattività del software dei Galaxy S6, davvero difficile da mettere in crisi. Sempre che i futuri aggiornamenti della casa koreana non vadano però a rovinare tutto come abbiamo già visto in passato su altri modelli Galaxy.

galaxy s6 task manager

2. Ricarica rapida

Con il Galaxy S6 la Samsung ha portato anche sulla linea Galaxy S il Fast charging, una modalità di ricarica rapida introdotta lo scorso anno sui Note 4 che si fa apprezzare soprattutto quando ci si accorge che la batteria è quasi esaurita e non si ha molto tempo a disposizione per ricaricarla.

ricarica rapida galaxy s6

3. Avvio rapido fotocamera

Una nuova caratteristica del Galaxy S6 che abbiamo apprezzato molto è quella dell’avvio rapido della fotocamera tramite un doppio click sul pulsante home, anche a telefono in standby.
Certo nulla di particolare, ma l’apertura quasi immediata della fotocamera aiuta ad usarla più spesso soprattutto in quegli attimi dove qualche secondo in più rischiano di vanificare lo scatto.

doppio click fotocamera

4. Temi

Non cambia l’usabilità del telefono, ma la personalizzazione dell’intera interfaccia con i temi della nuova TouchWiz contribuisce ad avere un dispositivo sempre diverso e più vicino ai propri gusti senza dover ricorrere ad invasive mod di terze parti.

5. Fotocamera

Un’altra caratteristica dei Galaxy che abbiamo apprezzato riguarda ancora la fotocamera.
Con il Galaxy S3 la Samsung ha introdotto la modalità HDR, con il Note 4 lo stabilizzatore ottico, ma solo con il Galaxy S6 è possibile utilizzare entrambe le funzioni insieme ottenendo fin da subito ottime foto senza dover effettuare ritocchi particolari.

hdr galaxy s6

CONTRO

1. Software impoverito

Il nuovo software dei Galaxy è molto fluido e reattivo, ma purtroppo anche privo di molte di quelle piccole funzioni che la Samsung aveva introdotto nelle precedenti generazioni dei Galaxy e che molti apprezzavano.
Un esempio possono essere la funzione Sensibilità tocco per prendere appunti anche con una matita, la modalità Uso con una mano, l’Air View, le varie funzionalità Smart legate ai sensori e alcune utili impostazioni legate specifiche delle applicazioni Samsung.

air view galaxy s5

2. Impronte digitali

Come saprete per il Galaxy S6 la Samsung ha utilizzato un nuovo tipo di sensore per le impronte digitali che rispetto a quello dei Galaxy S5 richiede all’utente soltanto di appoggiare il dito sopra e non di trascinarlo dall’alto verso il basso.

Un bel passo avanti, ma purtroppo il suo utilizzo continua a rivelarsi frustrante visto che spesso sono necessari più tentativi per farsi riconoscere. Purtroppo qui la colpa non è tanto del tipo di tecnologia utilizzata, ma dalla scarsa superficie a disposizione del dito dovuta alle ridotte dimensioni del tasto home dei Galaxy.

Inoltre anche sui Galaxy S6 il lettore di impronte può essere utilizzato principalmente soltanto per lo sblocco del telefono, l’accesso al Samsung Store o ai siti web protetti con password.

lettore impronte galaxy

3. Funzioni Google

Pur essendo basato su Lollipop,  all’interno del Galaxy S6 mancano molte delle principali funzionalità che Google ha previsto appositamente per questa versione di Android (vedi articolo La Samsung e i finti aggiornamenti a Lollipop).

4. Memoria interna non espandibile

Come già saprete i due principali cambiamenti introdotti dalla Samsung con i Galaxy S6 sono la batteria non removibile e la memoria interna non espandibile.
Se sulla prima grazie alle batterie esterne oggi si può chiudere un occhio, la mancanza di uno slot per le microsd si fa sentire soprattutto se le proprie finanze non permettono di scegliere una versione con taglio di memoria interna da 64 GB, tra l’altro l’unica disponibile sui Galaxy S6 oltre a quella da 32 GB.
L’assenza di una microsd inoltre rende più difficoltoso lo scambio di dati da un dispositivo all’altro, costringendo l’utente ad affidarsi a cavetti o alla più lenta connessione wireless.

galaxy s6 memoria esaurita

5. Surriscaldamento

Purtroppo la corsa nel creare smartphone sempre più sottili comporta anche degli effetti collaterali, come ad esempio quello del surriscaldamento eccessivo.
Sebbene sia un problema comune a molti dispositivi di questo genere, nell’utilizzo quotidiano questo problema sul Galaxy S6 si percepisce molto di più rispetto agli altri modelli, forse anche a causa dei nuovi materiali utilizzati dalla Samsung.
Ora che l’estate è alle spalle certe temperature come quella che potete vedere nel seguente screenshot saranno però più difficili da raggiungere.
galaxy s6 scalda

Voi avete altri punti da aggiungere?