SuperSu si aggiorna risolvendo numerosi bug ed eliminando il supporto a Eclair e Froyo. Chiarimenti poi dalla società cinese che ne cura lo sviluppo

Nelle ultime ore la versione “stabile” di SuperSu, l’app più famosa nel mondo Android per la gestione dei permessi di root, si è aggiornata sul Play Store alla release 2.82 risolvendo molti dei problemi lamentati dagli utenti.

Tra il più importante c’è quello della perdita del root su alcuni dispositivi (solo versioni Android che vanno da Jelly Bean 4.2 a Lollipop 5.1) e quello dei riavvii infiniti (bootloop) con i Sony Xperia.
Problemi dovuti ad alcuni errori presenti nel precedente pacchetto stabile 2.80 di responsabilità degli sviluppatori della CCMT, la società che ne cura lo sviluppo.

Inoltre per i dispositivi con Nougat la gestione di SELinux è stata rivista in maniera significativa. Dalla release 2.82 Supersu non sarà più compatibile con le vecchie versioni Android Eclair e Froyo.

Numerosi nel complesso i bug fix e cambiamenti apportati, che elenchiamo tutti di seguito:

– su: Fix su.d scripts running in the wrong mount context (introduced by ODP sdcardfs fix)
– CCMT: Update language files
– CCMT: Update guide screen
– CCMT: Update privacy policy screen
– CCMT: Updater: remove 4.3 and 5.0 specific upgrade messages, replace with generic; and detect if root must be manually updated
– CCMT: Drop support for Android 2.1 and 2.2. Minimum is now 2.3 (SDK 9, up from 7)
– su: Update mount namespace separation code to improve sdcardfs compatibility
– su: Fix kernel panic on ODP1/2 on 5X/6P
– su: Fix ODP1 compatibility on Pixel (XL)
– launch_daemonsu: Revert previous ODP1 work-around
– sukernel: Add option to patch out optional /data encryption (encryptable)
– suinit: cleanup /boot
– ZIP: Get boot image from fstab last-effort
– ZIP: Add REMOVEENCRYPTABLE flag to force disable encryption on newer Samsung firmwares
– ZIP: Fix slow /dev/random on some devices, apparently freezing install at “Creating image”
– ZIP: Fix LD_LIBRARY_PATH for hex-patch execution
– supolicy: Fix applying deferred allow rules
– supolicy: Fix setting impossible XPERM causing policy corruption
– supolicy: Add policies for ODP1
– launch_daemonsu: Work-around kernel panic on ODP1 on 5X/6P. Forces service mode for ODP1 on all devices.
– Fix erroneously deleting SuperSU’s copy of app_process on 6.0 since 2.79-SR1
– GUI: Fix app_process requirement detection when supersu context used
– Fully eliminate sugote binary, no longer needed due to SELinux handling improvements in earlier versions
– Support /system/xbin/sush as default shell
– Adjust LD_PRELOAD filtering to exclude suhide’s libraries
– ZIP: Motorola: default to systemless mode
– supolicy: fix some segfaults(NPEs) in pre-7.0 sepolicy handling
– ZIP: write boot block device once instead of twice (@_alexndr)
– (c) 2017 + CCMT
– Expand Samsung detection
– GUI: reworked portions to work with ‘supersu’ context on 7.0+
– GUI: fix binary update notice when superuser disabled by user in some cases
– su: reworked portions to work with ‘supersu’ context on 7.0+
– su/GUI: improve responsiveness when device busy on 7.0+
– sukernel: fix cpio restore failure with very short filenames
– sukernel: no longer patches file_contexts(.bin)
– sukernel: revert force seclabel (no longer needed with ‘supersu’ context)
– supolicy: add “create”, “auditallow”, “auditdeny” policy commands
– supolicy: support “*” for permission/range parameter of “allow”, “deny”, “auditallow”, “auditdeny”, “allowxperm” policy commands
– supolicy: -live/–file no longer apply default patches if custom patches are supplied
supolicy: -sdk=X option added (required for 7.0+)
supolicy: reworked all SELinux rules for 7.0+, run as ‘supersu’ context
– ZIP: Separate slotselect and system_root logic
– ZIP: Adjust system/system_root device and mount-point detection
– ZIP: Fix minor errors in documentation
– ZIP/frp: Explicitly label /su

Facciamo però notare che questa versione non è ancora quella promessa da Chainfire che risolve alcuni dei problemi delle procedure di root sui Samsung Galaxy aggiornati a Nougat.

Come sapete da quasi un anno lo sviluppo di SuperSu, un’app che sul solo Play Store conta oltre 50 milioni di download, è passato da Chainfire ad una misteriosa società chiamata CCMT.

Ebbene su pressione degli utenti la CCMT ha chiarito che il suo team, fondato negli USA e con membri provenienti da Stati Uniti, Spagna e Cina, attualmente ha sede a Pechino dove lavora con l’obiettivo di “fare la differenza nella sicurezza mobile di Android, fornendo applicazioni pulite e affidabili“.

La CCMT ha poi annunciato che in futuro l’app SuperSu richiederà qualche permesso in più a causa dell’integrazione con Google Analytics, un servizio di Google in grado di raccogliere statistiche sull’utilizzo dell’app da parte degli utenti.
Almeno per il momento non è prevista però l’introduzione di alcuna forma di pubblicità.

GOOGLE PLAY | SuperSu

LINK | ultima versione pacchetto .zip SuperSu (da flashare da recovery modificata)

 

fonte Chainfire 1, 2, CCMT