Google Chrome per Android, un browser povero ma funzionale

 

Sono tanti i browser che abbiamo recensito all’interno del nostro blog, ma tra questi non abbiamo mai citato Chrome.

L’app per android è disponibile ormai da più di un anno e nonostante qualche problema che si porta ancora dietro, con le ultime versioni è migliorata tanto.

chrome-per-android

Da un paio di mesi lo stiamo utilizzando come browser predefinito preferendolo addirittura a quello stock presente in tutti i Galaxy, soprattutto per quanto riguarda l’usabilità generale.

 

Una delle caratteristiche che apprezziamo maggiormente è la possibilità di passare da un tab all’altro con un semplice swipe laterale (dalla zona destra o sinistra verso il centro).
Una soluzione molto comoda e immediata soprattutto per chi naviga aprendo più pagine contemporaneamente, senza essere costretti ad eseguire diversi tap per cambiare finestra come avviene spesso negli altri programmi.

Non c’è inoltre alcun limite al numero di schede che si possono aprire.

tab-google-chrome-1

 

Per chi utilizza Chrome anche sui PC c’è un altro importante vantaggio, quello della sincronizzazione automatica dei tab aperti.
Se attivata riuscirete ad accedere rapidamente alle stesse pagine che sono aperte sul vostro computer o anche in altri dispositivi.

sincronizzazione-chrome

Nel processo di sincronizzazione sono inoltre compresi i preferiti, i suggerimenti delle ricerche nella barra degli indirizzi e addirittura le password di accesso e il completamento automatico dei moduli utilizzati nei siti web aperti da pc.

preferiti-google-chrome-1

 

Molto pratico il sistema della barra degli indirizzi utilizzato da Chrome, sempre in evidenza ma pronta a scomparire quando si effettua lo scrolling verso il basso e riapparire con il movimento opposto .

 

Davvero utile l’integrazione con il servizio Google Translate che permette di tradurre rapidamente intere pagine web scritte in qualsiasi lingua.

chrome-traduzione-siti

 

Per ora è presente solamente nella veresione beta, ma le prossime versioni includeranno pure un servizio di compressione dati simile a quello di Opera Mobile, mostrando anche le statistiche relative al risparmio di banda ottenuto.

Una caratteristica che apprezzerà soprattutto chi utilizza una connessione dati 3G.

compressione-dati-chorme

 

Ecco ancora un’altra piccola funzionalità presente: in una pagina con lo zoom lontano, cliccando sopra una serie di link comparirà un ingrandimento che ci aiuterà ad aprire meglio i collegamenti.

zoom-google-chrome

 

Per quanto riguarda le prestazioni, noi non abbiamo riscontrato ad oggi alcun problema.
Il rendering delle pagine avviene sempre in tempi molto rapidi e senza indecisioni.

 

Tra i principali difetti della versione per Android dobbiamo citare l’impossibilità di poter attivare in  maniera fissa la modalità desktop (ad ogni chiusura del programma bisogna ricordarsi di attivarla), la mancanza di una cronologia delle pagine visitate e un numero di opzioni inferiori ai concorrenti.

 

Sul Play Store troverete la versione classica e quella beta che spesso anticipa qualche nuova funzionalità.

Voi lo avete già provato? Cosa ne pensate?

 

GOOGLE PLAY | Chrome

GOOGLE PLAY | Chrome Beta