E’ più sicura la scansione dell’iride Samsung o il Face ID di Apple? Ce lo mostrano due gemelli con un video

I sistemi di riconoscimento biometrico negli ultimi anni sono diventati una caratteristica standard di tutti gli smartphone di fascia alta e medio alta, ma oggi i produttori non si accontentano più del semplice lettore delle impronte digitali.

Lo abbiamo visto soprattutto quest’anno con Samsung, che ha proposto sui Galaxy S8 e Note 8 la scansione dell’iride (il cui debutto in realtà è avvenuto con il Note 7), e Apple, che con l’iPhone X ha  puntato tutto sulla tecnologia Face ID basata sul riconoscimento 3D del volto rinunciando addirittura al sensore delle impronte.

Ma quale di questi due sistemi di autenticazione è il più sicuro?

A dare una risposta a questa domanda ci hanno provato due gemelli attraverso il video che vi mostriamo di seguito.

Nella prima parte uno dei due configura il Face ID dell’iPhone X con il suo volto e poi lo passa all’altro per verificare se riesce ad entrare.
Il primo tentativo viene respinto, ma con il secondo l’iPhone X effettua l’autenticazione come se nulla fosse.

Nella seconda parte la stessa prova viene ripetuta con il Galaxy S8 configurato con la scansione dell’iride.
Ma ovviamente in questo caso, essendo il modello dell’iride univoco per ogni essere umano, il gemello non riesce ad autenticarsi.

Ricordiamo che alcuni ricercatori mesi fa hanno trovato il modo di ingannare anche il riconoscimento dell’iride dei Galaxy S8, ma farlo non è affatto così semplice.

Quindi se ci limitiamo a confrontare le due tecnologie tra di loro, quella di Samsung può essere considerata senza dubbio più sicura.
Inoltre nei Galaxy S8 e Note 8 è sempre possibile scegliere tra scansione dell’iride e dell’impronta digitale, mentre nell’iPhone X Apple ha preferito puntare tutto unicamente sul Face ID.

Qui per sapere come funziona la scansione dell’iride implementata da Samsung.

 

via morethanandroid.de, si ringrazia per la segnalazione centrale