twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Ago 122015
 

Tra le innumerevoli funzioni dei Galaxy ce n’è una non molto nota ma che può rivelarsi utile in tutte quelle situazioni in cui siamo costretti a leggere dei testi o altri particolari molto piccoli.

Il suo nome è Lente d’ingrandimento ed è stata introdotta dalla Samsung a partire dal Galaxy S5.

lente ingrandimento galaxy

Ecco come usarla:

  1. entrare nella sezione widget del launcher in uso
    galaxy lente ingrandimento (1)
  2. scorrere l’elenco dei widget fino a trovare quello chiamato Lente d’ingrandimento
    galaxy lente ingrandimento (5)
  3. ora trascinarlo sulla home
    galaxy lente ingrandimento (6)
  4. cliccandoci sopra entrerete in una modalità particolare della fotocamera che vi permetterà rapidamente di effettuare lo zoom e volendo anche illuminare l’area da leggere
    galaxy lente ingrandimento (2)

 

Per chi non avesse questa funzione sul proprio android può comunque utilizzare una delle tante app disponibili sul Play Store.

  • Con tutto il rispetto della Samsung (che non ho più da molto, ndr) per noi “poveracci” esistono dei tool sullo store anch’essi molto validi come avete giustamente scritto. come per il sensore dei battiti praticamente inutile visto che non può essere usato come uno strumento di rilevazione valida, serve solo per farsi grandi per i primi 10 minuti poi ci si stanca, esistono delle app che con il flash e la camera rilevano il battito con relativa precisione.

    • Kratox

      non ti seguo, se apple mette une funzione nello stock che c è gia su app store, va bene, se lo fa samsung no? se lo fa google con una versione android si? non vi seguo a volte
      per me è una funzione inutile, ma a qualche utente un po piu in la con l eta puo far comodo. non ci vedo PROBLEMI nell inserire cose simili.
      personalmente rischiare di friggere il flash per rilevare il battito cardiaco non lo farei cosi volentieri 🙂

    • Parti con il presupposto che quello che fa Apple e TUTTO SBAGLIATO, Samsung in passato era un marchio per distinguersi dal greggie ora e solo un ammasso di ideali aziendali stup1di e mal riusciti così facendo non è più un dei marchi preferiti facendo scegliere altre VALIDISSIME alternative ad un prezzo inferiore.

    • andrea fava

      “greggie”? Ti sei distinto. Di brutto

    • Kratox

      Valide ma non al suo livello. Di top in tutto esiste solo lui però

    • questa affermazione mi farebbe scrivere mille pagine, ma ti rispondo dicendoti di controllare meglio in giro e vedrai che ti sbagli.

    • Kratox

      g4 ha una fotocamera di pare livello ma piu lenta, non ha l impronta(mi pare), e non ha i materiali,
      il resto della concorrenza HTC non esiste
      sony non ha l impronta non ha la fotocamera, e non ha lo schermo di quel livello
      uauei è carino ma è peggiore come fotocamera anche se secondo me come oggetto finale è tra i piu equilibrati, ma ormai per 100 euro io prenderei cmq s6

      altra concorrenza non esiste, il resto è roba cinese piu economica, con rapporto qualita prezzo eccezionale, ma che non offre tutto quello che offre s6

    • se la vedi così a 19€ esiste un telefono che telefona e basta (manda SMS e ha la radio FM cosa che la Samsung sui top Gamma non ha più), ma a 900€ trovi qualcosa di più interessante.
      Ovviamente scherzo era solo per fare una risata.

    • Tersicore1976

      Secondo me non è cambiata Samsung. Sono cambiati gli utenti nei confronti di Samsung. “Prima” tutti gli utenti Android si chiedevano che cosa avesse mai un iPhone da 800€, e non capivano perché un Galaxy con molte funzioni in più (Bluetooth, scambio NFC, WI-FI Direct, uscita video ecc…) non dovesse essere preferito ad un costoso cellulare che non sarebbe mai sceso di prezzo neppure 364 giorni dopo la presentazione del modello nuovo.
      Da quando “il passaparola” ha portato Samsung ad essere l’antagonista di Apple, tutti gli altri utenti Android si sono chiesto perché un Galaxy da 800€ dovesse essere preferito ad un Android da 400€ che fa le stesse identiche cose…
      Quando scrivo “passaparola” intendo quel processo lungo e “incomprensibile” perché si crei “naturalmente” per meriti o meno una leadership (o comunque una supremazia) di un marchio rispetto ad un altro… Un po come Windows, per cui ancora oggi il 90% delle persone rispondono di prendersi un Windows 10 ad un utente che vuole comprare il suo primo PC, e non è detto che si ala scelta migliore, ma è al scelta della massa. Ecco: Samung si è massificata. Non per demeriti suoi, ma perché ormai si parla solo di “loro”… E le persone sono strane: devono essere diverse perché siano tutte uguale. Le mode impongono di non poter fare a meno di uno smartphone, ti indicano anche che marca scegliere, ma chi vuole rimanere ai margini del gregge credendo di non esserne dentro, sceglie altre soluzioni. Ognuno ha la sua bandiera: chi non comprerebbe mai un prodotto diverso da un Galaxy, chi non comprerebbe mai al di fuori di un Nexus, e chi punta sul OnePlus come boccata d’aria fresca… Ma fanno tutti parte di un gregge.

    • Dai un po è anche cambiata Samsung pur di superare la Apple sforna un device ogni 3 mesi e presenta un top ogni 4 prima non era così, o meglio sfornata mille entry level ma i top gamma rimanevano top almeno per un anno.
      parli con uno che prima vedeva solo Samsung e la difendeva a spada tratta ma dopo essermi svegliato dal coma e levato il paraocchi ho capito che sfornare un device che nelle specifiche ha di diverso dei millimetri in qua e la e il numero di serie ho capito che non è sinonimo di progresso ma di disperazione.
      Per il resto VIVA LA LIBERTÀ’

      “Da quando “il passaparola” ha portato Samsung ad essere l’antagonista di Apple…”
      beh un po se le tirato dietro Samsung copiando tutto quello che di più marcio ha da offrire Apple.

    • Tersicore1976

      Ti do ragione sui Tablet. Apple ha “risolto il problema” iPad facendolo diventare un “grosso” iPhone. Risoluzione doppia, in modo che gli sviluppatori potessero con “comodo aggiornare le App” e nessun problema di ottimizzazione della interfaccia.
      Samsung e CO. con questa mania dell’inseguire hanno usato come ultima carta quello di copiare visivamente l’iPad, con il formato 4:3. Io ho visto sempre i Tablet come una estensione/sostituzione “light”dei portatili. Con le attuali risoluzioni e una tastiera a parte, un Note 2014 o Pro possono sostituire un netBook, e anche un portatile per operazioni “quotidiane”. Adesso dopo anni e anni di convincimenti che uno schermo 16:9 era meglio (TV, Cinema, Monitor Pc) e relative ottimizzazioni che hanno fatto i siti “seri”, ci danno a bere che è meglio un 4:3, perché è più comodo leggere una rivista… Io non li capisco. Ho visto oggi per la prima volta un Tab A: è appunto un copia iPad.
      Per i Galaxy la Samsung non sa più cosa tirare fuori perché la colpa principale delle sue scarse vendite (l’ho sempre detto) è che produce una marea di smartphone e non si accorgono che i prezzi non sono fissi, ma scendono; e scendono in maniera diversa per prodotti diversi tanto che si cannibalizzano a vicenda. Ho visto che è uscito un S5 Neo: mi sempre che con poco più si possa trovare un’offerta molto valida per il Note 3 o Note 4. Se uno è furbo cerca un’offerta non compra un Neo, che come sappiamo nasce e muore senza update (nessun Lollipop per nessuno MINI o NEO all’orizzonte). Samsung si è sempre comportata così, ma ora ha saturato da sola il proprio mercato. Chi compra un NEO, lo fa perché non vuole spendere per un prodotto successivo più costoso, e passare da un Mini ad un NEO, non ha senso, non credo lo facciano in molti.
      Per i Top di Gamma: serve pubblicità “purtroppo”, visibilità. Ogni anni deve esserci la novità perché ne debbano parlare. Tutto qui. Non puoi permetterti di dire: quest’anno nulla. Hai anche partnership con altri produttori (Soc, Memoria ecc…) se non fai accordi per il prossimo Snapdragon perché non crei il nuovo Top 201X, la volta dopo quando lo vuoi produrre con l’ultimo processore, non è che ti spalancano le braccia perché sei “tornato”, anzi magari privilegiano chi l’anno prima è rimasta con loro e gli ha fatto guadagnare un bel po.

    • Tersicore1976

      Tutto quello che c’è su uno smartphone non può essere paragonato agli strumenti professionali. Il sensore del battito cardiaco non può essere paragonata ad una fascia cardio, ne ti metterebbero addosso un Galaxy in ospedale per fare l’esame holter 24 ore. Una fotocamera professionale non può essere paragonata ad una fotocamera di un qualunque cellulare. Lo stesso un misuratore di luminosità, un barometro, un sensore per la temperatura… nulla insomma.
      Perché ci sono questi sensori? Primo perché costano una cifra irrisoria da mettere nei cellulari e ti da l’idea di avere in mano un aggeggio veramente High Tech… Secondo perché per un uso non professionista a qualcuno potranno anche servire.
      Il fatto che poi ci siano App che replicano le stesa funzioni è logico: chi non ha determinati sensori e funzioni si sente “frustrato” nell’avere in cellulare “vecchio” e cerca di sopperire… Ma se dopo 10 minuti di una funzione provata gratis inclusa nativamente in uno smartphone succede lo stesso (noiosa/inutile) con un’app cercata e magari pure pagata sullo store, è quanto meno molto più ridicolo…
      Samsung riempie di sensori e funzioni i propri prodotti… che qualcuno usi solo il 10% delle funzioni non vedo che problemi ci siano… Siamo abituati a persone che tolgono il pennino di un Note, lo provano e poi lo rimettono via e non usano più…

    • il fatto delle app era solo un argomento provocatorio
      invece per i sensori penso che se si studiasse un metodo per aumentare la durata della batteria invece di mettere delle feature inutili o poco sfruttate come il altri casi passati.

    • Tersicore1976

      Sono al vaglio diverse soluzioni. Ma non sono ancora al livello di poter essere prodotte in quantità e con costi abbordabili. Se cerchi in rete trovi anche studi su batteria che si ricaricano praticamente in 5 minuti, se non di più… Il problema è che hanno cicli di caricata ridicoli.
      Il fatto è che la curva di ottimizzazione e consumi è praticamente parallela… E questo io non riesco a capirlo. Se dovessi prendere il mio Note 4 e mettergli l’hardware del Note 2, quanto mi durerebbe la batteria? 9 ore di schermo? Come è possibile che con il passaggio da Note 2 a Note 3 e Note 4, i consumi siano quasi in linea, se non divisi da 30, 35 minuti (che sono una inezia)? Ottimizzano i consumi dello schermo, ma intanto mettono un risoluzione 4 volte superiore a prima. Se lasciavano la stessa risoluzione avremmo visto molti più benefici nella durata… Non li vediamo perché non ci accorgiamo di avere una risoluzione mostruosa, che lo schermo è di “nuova generazione”, ma che nel totale il consumo è identico o quasi… Di fatto giocano con la proprietà transitiva: ottimizzo i processori, i processi, lo schermo, ma metto molti più processi attivi, sensori, risoluzioni maggiori, così sulla carta ho valori “Numerici più alti” (che sono quelli che fanno “vendere”) e intatto garantisco la solita autonomia…

  • Federico Serra

    ottima, almeno non ho più bisogno di app terze per questo e per altre funzioni integrate nell’ s5