twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Ott 092017
 

Per poter ottenere un display di tipo “Infinity” e ridurre le cornici il più possibile, con i Galaxy S8 e Note 8 Samsung è stata costretta a portare il lettore delle impronte digitali sul retro della scocca.

Una scelta molto criticata dagli utenti, non soltanto perché posizionato in un punto non semplice da raggiungere (troppo in alto e decentrato), ma anche perché con il dito si tende a confondere facilmente il riquadro del sensore con quello dell’obiettivo della fotocamera posteriore sporcandolo.

Come spiegato dallo stesso produttore koreano nella sezione delle FAQ del suo sito, per prevenire quest’ultimo problema con il Note 8 è stato deciso di allontanare il sensore delle impronte dalle lenti inserendo nel mezzo il modulo con il flash led e il sensore del battito cardiaco.

E come ci hanno mostrato i rispettivi teardown, nel Note 8 e nel Galaxy S8 a causa del limitato spazio disponibile Samsung non ha avuto la possibilità di spostare il lettore delle impronte al di sotto della fotocamera, la soluzione più diffusa tra i produttori concorrenti.

Una scelta che probabilmente vedremo anche in futuro, a meno che la tecnologia dei sensori di impronte sotto il vetro del display non diventi più matura.