twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Gen 232017
 

Proprio come era stato anticipato pubblicamente il 20 gennaio, nelle prime ore di questa mattina Samsung ha tenuto un evento dove spiegava al mondo le vere cause dietro alle esplosioni del Galaxy Note 7 e che hanno reso inevitabile il ritiro definitivo dai mercati del prodotto.

La conferenza è stata tenuta dal presidente della divisione mobile DJ Koh e dai rappresentanti di vari organismi indipendenti che hanno collaborato alle indagini: Clare Grey (Professore di Chimica, Università di Cambridge), Gerbrand Ceder (Professore di Scienza dei Materiali e Ingegneria, UC Berkeley), Yi Cui (Professore di Scienza dei Materiali e Ingegneria, Università di Stanford) e Toru Amazutsumi (CEO Amaz Techno-consultant).

Come sappiamo i problemi erano presenti sia nel primo lotto di Note 7 con batterie prodotte da Samsung SDI, sia in quello successivo con batterie prodotte dalla Amperex Technology Ltd, entrambe le società mai nominate nella conferenza.

E sono state proprio le batterie le vere e uniche cause degli incidenti (progettazione e produzione), non quindi il design del phablet o altri motivi ipotizzati da terze parti (link 1, link 2, link 3, link 4).

struttura batteria a litio

Per quanto riguarda quelle provenienti da Samsung SDI, in alcune unità la punta dell’elettrodo negativo si trovava lungo la parte curva superiore destra della batteria. Fattore che unito ad un separatore degli elettrodi più sottile ed una densità di energia superiore, poteva portare ad un cortocircuito.

infografica

foto

immagine esempio

Nelle batterie difettose prodotte da Amperex Technology Ltd i problemi erano invece diversi e tutti potevano portare al cortocircuito: bave di saldatura che perforavano gli strati vicini, mancanza o cattivo allineamento della parte isolante, separatore degli elettrodi più sottile ed una densità di energia superiore.

infografica

foto

immagine esempio

Qui di seguito un breve video riassuntivo.

Per chi volesse approfondire la questione dal punto di vista tecnico vi rimandiamo ai documenti delle tre società che hanno condotto le analisi.

Qual è ora il vostro parere sull’intera vicenda?

 

fonte Samsung 1, 2

  • io credo che se fosse realmente stato così avrebbero potuto creare batterie nuove, magari con un amperaggio leggermente minore……

    • Tersicore1976

      Forse hanno capito il problema tardi e non hanno potuto mettere in produzione una nuova batteria, più piccola. Non è che assemblano tutti in pezzi nel giro di pochi giorni. Magari gli ci sarebbe voluto un mese, ma intanto avevano altri smartphone da produrre… Il Note 7 magari sarebbe uscito troppo a ridosso di S8 rubandosi possibili acquirenti… Così penso…

  • LucaS5

    Insomma, non han detto niente di nuovo.

  • Tersicore1976

    Il problema sono le batterie ok, ma è il design “estremo” del Note 7 e la volontà di mettere 3300 mAh in uno spazio in cui non potevano farci stare una batteria del genere che hanno “alimentato” il problema. Con uno smartphone flat (scelta migliore per un Note) e ottimizzazione delle prestazioni i soli 3000 sarebbero stati più che sufficienti.
    Quindi strettamente parlando sono le scelte di design e progettuali che hanno portato ai problemi. Anche S6, S7 e Note 5 hanno schermi o retro curvi… La batteria non rischiava di andare in corto.
    Per ultimo: due problemi diversi per due produttori. Il primo è un difetto progettuale. Il secondo carenza si controlli dovuti al fatto che si sono dovuti sobbarcare la produzione di tutte le batterie…

    • Redi

      cmq erano 3500

    • Tersicore1976

      Peggio ancora 🙂 Ma quanto volevano fare con una carica? Con Note 4 facevo 5.5 ore. Con Note 5 faccio 1 h in più e ha meno capienza. Forse dovrebbero smettere di mettere dentro un sacco di M… per rendere il SO un po più leggero, ne guadagnerebbe in autonomia. Ma loro pensano solo ai numeri: Note 7 doveva avere la batteria più grossa di tutti i Note usciti fino ad ora.

  • Federico

    Cioè vogliono farci credere di aver avuto la sfiga di batterie fallate da due produttori diversi?
    Può essere, da quei documenti mi sembra però che l’errore di fondo sia sempre la progettazione, quindi è stata Samsung ad aver passato i progetti sbagliati.

  • Adnan LejLa Selimi

    Ma siete tutti ingegnieri da sto forum complimenti…

    • Andyeah

      ingegneri

  • virtual

    Tutto come da vostre previsioni, complimenti!

  • franky29

    ormai la frittata è fatta la verità non si potrà mai sapere, ma si saprà solo ciò che sarà detto da loro

  • stefil

    E quindi Samsung, ha sbagliato chi ha fatto il progetto, chi l’ha eseguito o tutte e due? E poi perché tutto questo tempo? Mah!

  • Alessandro

    Scusate, ma se il problema erano le batterie vi sembra normale ritirare tutti i cellulari???? Bastava farli portare in assistenza e cambiare le batterie difettose con altre, magari un pò meno potenti, ma progettate/realizzate secondo i criteri che si applicano a tutte le altre batterie….
    Penso che nel giro di 1 mese avrebbero potuto cominciare la produzione delle nuove batterie ed inviarle ai centri di assistenza nel giro di un altro mese, visto i risultati delle analisi.
    Mah …. mi sembra tutto troppo semplice per giustificare la rottamazione di un progetto di cellulare di tale valore ….