twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Feb 032014
 

Continua l’evoluzione della OmniRom, probabilmente una delle rom cucinate AOSP più interessanti degli ultimi tempi.
Il team di sviluppo ha infatti preparato due nuove funzionalità che verranno introdotte presto nelle future versioni nightly.

La principale è l’OmniSwitch, un sistema di gestione delle app in background alternativo a quello di Google, molto più completo e anche più versatile.

omniswitch-task-manager-android

Il task switcher delle OmniRom può essere attivato con un semplice swipe sullo schermo, senza ricorrere ai pulsanti fisici o virtuali del telefono.
Le sezioni di cui si compone sono tre.

La prima è chiamata Action Buttons e contiene i pulsanti per poter killare tutte le app, killare le app non attive, passare direttamente alla penultima app aperta o tornare alla home.

omniswitch-1

Nella seconda sezione, la Recent apps, troviamo una lista scorrevole con i collegamenti delle app in background.

omniswitch-2

L’ultima sezione può essere invece personalizzata liberamente dall’utente con le proprie app preferite.

Attraverso le impostazioni di OmniSwitch è possibile poi modificare alcune parti della grafica, gestire i pulsanti da visualizzare e definire l’area sensibile allo swipe.

impostazioni-ominiswitch

Ecco un video sul funzionamento:

 

L’altra novità riguarda la possibilità di poter personalizzare tutti i suoni di sistema attraverso dei pacchetti .zip da flashare via recovery e il menù di sistema Sound integrato.

soundpack-omnirom

Oltre alle notifiche e suonerie telefoniche l’utente sarà così in grado di modificare anche suoni particolari come ad esempio quelli della fotocamera, blocco o sblocco della lockscren e tanto altro ancora.

Le nuove funzionalità non sono ancora state implementate nelle build pubbliche, ma il loro arrivo non dovrebbe tardare di molto.

Per altre informazioni sulle rom cucinate OmniRom vi rimandiamo all’apposita sezione del nostro sito.

 

fonte 1, fonte 2