twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Lug 012016
 

Da quando sui Galaxy è iniziato il roll-out di Android Marshmallow sono in tanti ad averci segnalato le continue richieste di sblocco da parte del telefono con il PIN o la password anche se la lockscreen è stata impostata con l’accesso tramite la propria impronta digitale.

In realtà non si tratta affatto di un bug di sistema come ritenuto in molti, ma di un nuovo criterio di protezione introdotto da Samsung attraverso i suoi appositi aggiornamenti OTA.

problemi root criteri protezione (3)problemi root criteri protezione (2)problemi root criteri protezione (1)

Per garantire una maggiore sicurezza del telefono ora infatti lo sblocco dopo il primo avvio (ma anche quello dopo le 24 ore di inutilizzo) deve avvenire obbligatoriamente attraverso un sistema ritenuto più sicuro rispetto all’impronta digitale, ossia il pin o la password scelte come alternativa.

pin password impronta criterio protezione pin (1)

Il vero inconveniente, però, è che queste policy di sicurezza entrano in gioco anche quando il telefono viene mandato in standby attraverso delle app di terze parti come molti utenti android sono soliti fare.

Un esempio possono essere le app o i launcher che permettono lo spegnimento dello schermo attraverso una semplice gesture (la più comune il doppio tap sullo schermo) o anche un’azione automatizzata (tipo quelle che si possono creare con Tasker o tool simili).

criterio protezione pin (2)criteri protezione standby (2) criteri protezione standby (1)

Insomma se per voi questo nuovo comportamento costituisce un problema, in nome della sicurezza non vi rimane altro che scegliere se rinunciare ad un sistema di sblocco immediato come quello delle impronte digitali o accontentarvi di mettere in standby il telefono sempre e solamente premendo il pulsante power.