twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Mag 242012
 

 

Sono ormai centinaia di migliaia le app che il market android offre ai suoi utenti, la maggior parte delle quali in forma completamente gratuita.

E' facile quindi arrivare ad installarne tantissime sul proprio telefono, spesso senza neanche effettuare i dovuti controlli prima del download.

 

Anche se è raro che un programma del market ufficiale possa causare dei danni, alcuni comportamenti invasivi sono comunque fastidiosi.

Un esempio sono quelle pubblicità misteriose che compaiono nella barra delle notifiche (air push) oppure i collegamenti a strani servizi che appaiono in maniera regolare nelle nostre homescreen.

Da non trascurare assolutamente sono poi tutte le applicazioni che richiedono più permessi di quelli che effettivamente dovrebbero avere.

 

Grazie ad AppBrain Ad Detector tutti questi inconvenienti possono essere risolti in maniera piuttosto semplice, senza dover ricorrere ad  antivirus che rubano inutilmente risorse di sistema.
 

 Appbrain Ad Detector è un  tool gratuito sviluppato dalla stessa software house di AppBrain Market.

Una volta installato, effettuerà una scansione di tutte le app presenti nel telefono e le catalogherà in base ai permessi richiesti o al tipo di pubblicità utilizzata.

Le informazioni mostrate sono davvero tante.
Per scoprire applicazioni che fanno uso di pubblicità di tipo air push, basterà entrare in Show Concerns e verificare il contenuto della sezione Push Ads.

Appbrain Ad Detector offre anche una modalità Live Detection, per il controllo in tempo reale di ciò che viene scaricato dal market.
Ma si può disattivare senza problemi e continuare ad usare il tool in modalità passiva.

 

Sebbene sul Google Play esistano anche app che permettono di disabilitare completamente qualsiasi tipo di pubblicità, noi ne sconsigliamo l'utilizzo.
In fondo, se molti programmi vengono offerti gratuitamente è proprio grazie alla pubblicità.

E ricordiamo che in questi casi, non sono solo gli sviluppatori a rimetterci, ma l'intera comunità android.

 

[p1]