twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Ott 302011
 

QUESTO METODO NON FUNZIONA PIU' CON GLI ULTIMI FIRMWARE
PER PROCEDURE PIU' AGGIORNATE CONSULTARE LA SEZIONE

ROOT GALAXY S2

 

 

Stiamo testando già da qualche giorno sul Galaxy S2 e Galaxy S l' Easy Rooting Toolkit, un tool sviluppato da DooMLoRD di xda che sfrutta l' exploit zergRush di ieftm per ottenere i permessi di root senza la necessità di dover installare un kernel modificato.

L'exploit ZergRush è valido per tutte le versioni di Android Gingerbread 2.3.3, 2.3.4 e 2.3.5. L' Easy Rooting Toolkit non fa altro che sfruttare i comandi ADB per inserire in maniera semplice tale hack all'interno del telefono.
Inizialmente il tool era stato sviluppato per gli Xperia X10 della Sony, solo di recente è stato aggiunto il supporto anche ai telefoni Samsung.

Prima di parlarvene noi l'abbiamo provato su firmware con le varie versioni di Gingerbread e non abbiamo riscontrato alcun problema per ora.

Ecco una guida per rootare il telefono.

Prerequisiti:

  1. Assicurarsi che sul pc siano presenti i driver usb del telefono. Per questo basta semplicemente che Kies sia installato.
     
  2. Attivare il debug usb: andare in impostazioni > applicazioni > sviluppo.
     
  3. Attivare le sorgenti sconosciute: andare in impostazioni > applicazioni e spuntare la prima voce.

 

Procedura di root:

  1. Scaricare l' Easy Root Toolkit.
     
  2. Estrarre il file .rar all'interno di C:\ ed entrate nella cartella Easy Rooting Toolkit v1.0 by DooMLoRd.
     
  3. Collegare col cavo usb il telefono al pc.
     
  4. Avviare il file runme.bat. Vi comparirà la schermata presente ad inizio articolo.
     
  5. Premere un tasto qualsiasi della tastiera per continuare. Compariranno nella finestra i log delle operazioni effettuate dal tool.
     
  6. Dopo qualche minuto la procedura si concluderà riportando la scritta ALL DONE!!! e il telefono verrà riavviato.
    Premere un tasto qualsiasi della tastiera per chiudere la schermata del tool.
     
  7. Il root è stato effettuato. Come conferma vi ritroverete l'app Superuser all'interno del menù applicazioni.

 

 Procedura di unroot:

  1. Collegare il telefono al pc.
     
  2. Entrare nella cartella Easy Rooting Toolkit v1.0 by DooMLoRd e avviare il file runme-UNROOT.bat.
     
  3. Apparirà la schermata del programma, premere un tasto qualsiasi della tastiera per continuare.
     
  4. Sul telefono compariranno una serie di richieste da parte di Superuser.
    Cliccare sul pulsante Consenti per confermare. 
     
  5. Dopo qualche secondo la procedura di unroot avrà termine e il telefono si riavvierà. Chiudere la schermata del toolkit premendo un pulsante qualsiasi della tastiera.
     
  6. Come prova del successo dell'operazione di unroot nel menù delle applicazioni non sarà più presente l'icona di Superuser.

Per chi fosse interessato solo ai permessi di root sul proprio Galaxy è una valida alternativa ai kernel modificati (es. Cf-Root). Il vantaggio  è quello di non incrementare il contatore e far apparire il triangolo giallo (nel caso del Galaxy S2), ma ricordiamo che anche in questo caso la garanzia decade, almeno ufficialmente.  

Aggiornamento 1:

Al momento il tool non sembra funzionare su alcuni ultimi firmware per il Galaxy S rilasciati da Samsung basati su Gingerbread 2.3.5 e Galaxy S II con Gingerbread 2.3.6.

Il motivo è dovuto al fatto che non essendoci abbastanza spazio all'interno della partizione /system la procedura non riesce a copiare alcuni file all'interno, come ad esempio il superuser.apk.

Se vi ritrovate in questa situazione vi conviene effettuare il root mediante installazione di un kernel modificato (es. CF-Root).