twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Ago 172016
 

Dopo quasi 11 mesi dal suo rilascio al pubblico e a poche settimane dal debutto ufficiale della nuova versione Android 7 Nougat, oggi Android 6 Marshmallow è presente solamente su circa il 15,2% dei dispositivi android in commercio.

statistiche diffusione android agosto 2016

Fortunatamente coloro che sono in possesso di uno dei più recenti smartphone top di gamma hanno ormai già ricevuto il tanto atteso aggiornamento, ma quali sono stati i produttori più veloci a rilasciarlo?

A tentare di rispondere a questa domanda ci ha pensato la società di ricerca Apteligent, che ha preso in considerazione i modelli android più diffusi di Motorola, Samsung, LG, Sony, HTC e ZTE nel mercato degli Stati Uniti e dell’India.

I primi due grafici, che non tengono in considerazione dei dispositivi Nexus, evidenziano due gruppi di produttori: chi è riuscito a rilasciare Marshmallow entro i primi 3 mesi dalla sua disponibilità e chi ha impiegato più di 5 mesi.

aggiornamenti marshmallow velocita 1

aggiornamenti marshmallow velocita 2

Nel primo gruppo troviamo nell’ordine Motorola, LG e HTC, mentre nel secondo ZTE, Sony e Samsung.
In compenso, da come si può vedere dall’andamento delle linee del grafico, produttori come Samsung e Sony hanno raggiunto un numero maggiore di modelli in un periodo di tempo più breve rispetto agli altri.

Strategia però che alla fine non ha inciso più di tanto sulle tempistiche finali.

Ecco di seguito gli stessi grafici ma con l’impatto dei dispositivi Nexus, che solitamente ottengono le nuove versioni di Android dopo soli pochi giorni dal loro rilascio da parte di Google.

aggiornamenti marshmallow velocita 3

Vedremo se con Nougat 7 le cose andranno allo stesso modo, anche se intanto Samsung ha già fatto sapere che prima di vederlo sul primo Galaxy (probabilmente il Note 7) bisognerà attendere almeno 2-3 mesi dalla sua uscita.

Qui il report completo.

  • Pierino

    5 mesi per adattare una versione android che su molti Galaxy non ha portato nessun
    cambiamento
    brava Samsung!

    • Francesco

      LOL

  • LucaS5

    Che novità.
    Samsung è sempre stata lentissima a rilasciare gli aggiornamenti. Neanche si ammazzassero a testare visto che vengono rilasciati firmware pieni di bug…
    Se fossero veloci come a sfornare nuovi modelli sarebbero i primi anche ad aggiornare.

    • ste

      verissimo

  • ste

    ancora oggi come con i galaxy s non è cambiato assolutamente nulla

  • Tiwi

    beh beh beh..innanzitutto, non ho capito una cosa: “si tratta di aggiornamenti ufficiali, o si parla anche di versioni beta?” xk le cose sono molto diverse!

    in secondo luogo, l’analisi secondo me và approfondita! xk sono buoni tutti a rilasciare l’update, anche 1 gg dopo i nexus, magari pieno di bug e con interfaccia stock google..
    ma il lavoro fatto da samsung con gli ultimi aggiornamenti è stato davvero tanto..e sinceramente, preferisco attendere un mese in più, ma ricevere un update corposo e funzionante

    • Tersicore1976

      In Europa Samsung ha aggiornato 5 prodotti: S6, S6 Edge, S6+, G5 e Note 4. Due ortimi update e due update sottotono (per non dire penosi). Quindi siamo quasi al 50%. E non stiamo parlando di una riscrittura da zero di chissà che. Ache i cuochi sono in grado di dare ai Note 4 il nuovo Air Command cambiando 2 o 3 APK. Potrei capire i problemi di una riscrittura da zero, dovendo dar diventare un S5 un S6 e un Note 4 un Note 5… Ma così non è. Il problema dei Bug che sono presenti dalla prima versione e che continuano a esserci è sinonimo di scarsa professionalità. Samsung come Leader dei prodotri Smartphone non ha mai pensato di creare unaini App dove vengano segnalati i Bug? Semplicemente per i vecchi prodotti non gli interessa. Tutti volgiono la nuova versione e Samsumg gli da il contentino.

  • Ma551m0

    Francamente non è certo la celerità di rilascio che è indice di qualità. È la qualità stessa che è piuttosto l’indice di SERIETÀ.

    • LucaS5

      Infatti rilasciare firmware a distanza di mesi e pieni di bug/lag non è sintomo di qualità.
      Avendo tanti terminali in listino si fa un lavoro di quantità e non di qualità. E i tempi lunghi, secondo me, non sono dovuti ai programmatori lenti o a chi sa quali test, ma proprio perchè devono sviluppare su tanti, troppi, dispositivi diversi tra loro.