twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Mag 072015
 

Perché Google ha rinunciato da tempo sui Nexus al supporto delle microsd esterne e perché molti produttori di dispositivi android, tra cui di recente anche Samsung con i Galaxy S6, hanno fatto lo stesso?

I motivi di queste scelte sono diverse e a tentare di spiegarle è direttamente Hugo Barra, non uno qualunque ma l’ex vice presidente della divisione sviluppo Android di Google e attualmente alto dirigente della Xiaomi, società che ha deciso di seguire la stessa politica sui suoi modelli top di gamma.

hugo barra

I punti toccati da Barra in un’intervista rilasciata al sito engadget.com sono diversi e ve li riassumiamo di seguito:

  1. il motivo principale è che le microsd, molto più lente delle memorie utilizzate dai produttori all’interno degli smartphone o tablet, compromettono le prestazioni del dispositivo
  2. le microsd sono altamente soggette a malfunzionamenti di vario genere che possono arrivare a compromettere gravemente la stabilità del sistema, in questi casi l’utente tende sempre a dare poi la colpa al telefono
  3. il mercato delle schede microsd contraffatte è molto fiorente e l’utente si trova ad acquistare schede di bassissima qualità spacciate per delle SanDisk o Kingston
  4. per far posto alle microsd la Xiaomi in molti suoi telefoni doveva sacrificare la capacità della batteria, l’ergonomia e in alcuni casi lo slot per la seconda sim

android no microsd

Se da una parte le ragioni di Hugo Barra possono essere condivise, soprattutto da chi in passato si è ritrovato ad affrontare esattamente gli stessi problemi da lui citati nei primi 3 punti, dall’altra la scelta di utilizzare o meno le microsd dovrebbe essere lasciata all’utente visto anche i prezzi che raggiungono i telefoni con tagli da memoria superiori ai 16 GB.

Insomma, rimuovere fisicamente lo slot a nostro avviso non può essere considerato il giusto compromesso.

E voi come la pensate?