twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Dic 112015
 

Uno dei problemi più fastidiosi introdotti dagli aggiornamenti Lollipop sviluppati dalla Samsung per i suoi Galaxy è sicuramente quello della gestione aggressiva della memoria RAM, che costringe il sistema a ricaricare nuovamente un’app anche quando questa è stata messa da poco in background (leggi articolo approfondimento).

Un problema che non solo non è stato corretto neanche dai più recenti aggiornamenti a Lollipop 5.1.1 (per i pochi fortunati che li hanno già ricevuti), ma che è presente pure sugli ultimi modelli Note 5 e Galaxy S6 Edge Plus dotati di ben 4 GB di Ram.

Fortunatamente, però, le cose presto potrebbero cambiare.
Stando infatti ad un video di un Note 5 aggiornato ad Android 6.0 Marshmallow (per ora arrivato solo a pochi utenti di T-Mobile) per la sua nuova generazione di firmware Samsung sembra finalmente aver deciso di cambiare l’attuale modalità di gestione della memoria.

Nei primi 2 minuti l’autore del video ci mostra la quantità di memoria libera messa a disposizione dal sistema all’utente (circa 2,4 GB subito dopo il riavvio).

samsung marshmallow ram 1

Dal minuto 3:40 al minuto 8:30 l’autore inizia ad aprire una serie di applicazioni e giochi lasciandoli in background senza chiuderli.

samsung marshmallow ram 2
Subito dopo le stesse applicazioni vengono avviate una seconda volta e da come si può vedere chiaramente (ad esempio con Temple Run) riprendono tutte esattamente dallo stesso punto in cui sono state interrotte e senza che ci sia alcun refresh.

samsung marshmallow ram 3

Dal minuto 9:57 ci viene mostrato un’altro particolare. Con l’utilizzo della modalità Multi Window il sistema sembra svuotare completamente la memoria Ram, infatti al terzo tentativo di apertura delle stesse app queste vengono ricaricate dall’inizio.

samsung marshmallow ram 4

Ovviamente trattandosi ancora di un firmware in via di sviluppo la modalità di gestione della memoria ram negli aggiornamenti definitivi potrebbe anche essere differente da quella che abbiamo appena mostrato, e non necessariamente in meglio.

 

si ringrazia per la segnalazione Albe95

  • Simone Cascino

    Speriamo che risolvano, è una cosa che mi da molto fastidio sul note 4…

    • bahsp

      Quando uso per pochi minuti il note2 che ho dato a mio padre mi rendo conto dei passi indietro che sono stati fatti in termini di fluidità generale con il note 4….

    • Simone Cascino

      No, aspetta, in termini di fluidità generale il mio note 4 devasta il note 2 della mia ragazza, su questo sono assolutamente certo, ma li uso entrambi per lavoro.

  • LucaS5

    Domanda,, ma il memory leak è un problema solo di Samung? Non sento parlare di altre marche con un problema simile.
    Samsung non usa di base il codice AOSP di google? Se così fosse allora è un problema intrinseco di Android?

    • Riguardava anche altre marche ma con Lollipop 5.1.1 dovrebbero aver sistemato. Dico dovrebbero per due ragioni:
      1) Lollipop 5.1.1 sono ancora in pochi ad averlo
      2) sugli altri non ci sono tanti feedback disponibili anche perché la maggior parte degli android in circolazione sono della samsung

  • firefox82

    Negli ultimi fw c’è una politica che definire aggressiva è dire poco. Chi usa Tasker ne sa qualcosa. Non si riesce più a creare condizioni a tempo con intervalli inferiori ai 5 minuti perché sembra che il fw lo impedisca, non si riesce a far rimanere attivi nemmeno i servizi collegati al sistema, quali servizi di accessibilità o servizi di accesso alle notifiche se non tenendoli sempre in foreground. E’ veramente scandaloso.

    • Filo

      Vero! A me ogni volta che lo apro mi compare il popup di warning low memory eppure ho un galaxy s6 non un galaxy ace con 512 di ram!!!

    • andrea55

      Low memory dovrebbe riguardare la memoria interna non la ram

    • firefox82

      No riguarda la ram

  • virtual

    Quindi, ricapitolando, non c’è ancora una versione di Android che possa andare bene:
    – KitKat ha disabilitato l’accesso in scrittura alla SD card
    – Lollipop ha migliorato l’accesso alla SD, ma ha introdotto la gestione aggressiva della RAM
    – Marshmallow migliorerà (forse) la gestione della RAM, ma avrà anche Doze non disattivabile per-app (problemi quindi con Tasker?)

    A questo punto mi sa che KitKat rimane ancora il meno peggio…

  • Lordkyron

    E invece del mobile radio active bug si sa nulla?

  • Tersicore1976

    Quindi ricapitolando. Samsung ritarda il lancio dei suoi aggiornamenti perchè non sa progettare. Perchè è idubbio che cambiare il modo in cui il SO gesrisce la RAM non vuol dire intervenire su una piccola porzione del codice, ma si tratta di una massici riscrittura. E tutto il lavoro fatro su Lollipop non serve a nulla. Quindi stanno riscrivendo il loro firmware oltre a dover implementare le nuove funzioni…Ma possibile che non siano mai accorti durante lo svilippo del SO che le app non rimanevano in background, e/o che comunque venivano chiuse?

    • andrea55

      Fosse per samsung avrebbe già dato priorità ai suoi servizi e applicazioni utente facendo chiudere programmi e servizi google inutilizzati che sprecano memoria, peccato che non possa farlo.

      Perchè sarebbero in ritardo con gli aggiornamenti?

    • Tersicore1976

      Semplice considerazione empirica. Se hanno sviluppato un SO che si comporta in un determinato modo a livello di RAM, e la volta successiva devono cambiare totalmente queste “comportamento”, vedendo anche che questo problema “rimane” se si usa il multi-windows, vuol dire che non è questione di “cambiare un parametro” ma riscrivere porzioni di codice. Un conto è implementerà le nuove funzioni di Android 6.0 su una “loro base già funzionate”, ma se prima di tutto devono risolvere i loro problemi, mi sembra naturale dedurre che di controlli ne debbano fare maggiormente. D’altronde sappiamo che “il suo SO” è quello che ha più funzioni e personalizzazioni di tutti i produttori. Non è un segreto che LG, riesce a sviluppare un nuovo firmware molto più velocemente perché ha già la base hardware del nuovo Nexus e di personalizzazione ne mette ben poche. Una cosa è aggiungere alcune funzioni ma mantenere buon parte del codice nativo, un’altra cosa invece è dover mettere sopra ai sorgenti di Google le “pesanti” personalizzazioni di Samsung. Inoltre è la “storia” che mostra come Samsung sia sempre in ritardo: esce Androdi 6.0 e 20 giorni dopo Note 4 Edge riceve Lollipop 5.1.1.

    • andrea55

      Un’azienda che ha già scritto un’os da zero e sta tuttora svoluppando un nuovo os non è capace di modificare il comportamento della ram di android? Già è stata cazziata da Google per la magazine UX sui tablet, figuriamoci se modifca mezzo sistema operativo.

    • LucaS5

      Evidentemente non sono in grado. Oppure non vogliono.
      Volere = potere

    • andrea55

      Oppure non possono? Volere è potere ma se poi Google non gli certifica il firmware rimangono senza playstore e servizi google, cosa fanno?

    • Albe

      Non devono riscrivere molto. Sammy ha sostituito la gestione ram originale (LMK) con una proprietaria (DHA).
      Ha i suoi vantaggi ma appunto l’hanno resa troppo aggressiva, per premiare le prestazioni. Giocando un po’ con i parametri del DHA si può già ottenere qualcosa di buono, ma comunque effettueranno qualche modifica a livello di Framework per rimuovere del tutto i problemi.

  • Simone

    ho provato ad aprire un po’ di roba sul mio Note 3 e nonostante si riempa la ram, quando vado a richiamare le varie app si apre tutto senza problemi…solo maps ha un piccolo refresh

  • andrea55

    Certo che è facile fare la prova dopo un ravvio e ram libera

  • Tiwi

    gestione ram buona o cattiva..non ho grossi problemi su s6edge..certo che se poi la gestiscono un po meglio..non è che gli dico di no..