twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Giu 082016
 

Stando alle statistiche ufficiali appena rilasciate da Google, a distanza di ben 8 mesi dal suo rilascio soltanto in questi primi giorni di giugno Marshmallow è riuscito a raggiungere il 10% del totale dei dispositivi Android in circolazione (per la precisione il 10.1%, almeno tra quelli tracciati dai server Google).

frammentazione android giugno 2016

Un risultato non affatto eccezionale, soprattutto se si considera che nello stesso periodo di tempo Lollipop era arrivato al 12,4% mentre KitKat al 17,9%.

E sono proprio Android 4.4 KitKat e Android 5 Lollipop le versioni oggi più diffuse, con rispettivamente il 31,6% e il 35,4%.

frammentazione android giugno 2016 2

Un chiaro segno che le cose peggiorano inesorabilmente anno dopo anno, senza che né i produttori né Google sono purtroppo in grado di trovare un valido rimedio alla frammentazione di Android e alla velocità degli aggiornamenti.

 

fonte android.com

  • Tiwi

    se si fanno telefoni a partire da 30 euro..è normale che non tutti vengano aggiornati..un po x incompatibilità hw..un po xk i produttori non si sprecano di aggiornare telefoni dal costo cosi basso..in ogni caso, bisognerebbe trovare una soluzione, non tanto x arrivare al livello di apple (che avrà si e no 10 telefoni da aggiornare contro i mln di android) quanto x mantenere giusto le ultime 2-3 versione di android attive su tutti i telefoni..

  • Alfio Perego

    Obbligare le varie Case a mettere Android nativo e puro sui loro telefoni se vogliono utilizzare questo sistema, altrimenti ne sviluppino uno in proprio. (viva Nexus)
    Cosi si risolve almeno in parte il problema, forse anche delle app. fastidiose.

    • Trunks

      Non penso che questo risolverebbe le cose. L’aggiornamento non è ostacolato solo dalle personalizzazioni ma anche dalla disponibilità di driver aggiornati per i SoC e i vari componenti hw. Peraltro non tutti i dispositivi hanno la stessa componentistica (vedi S6 con due fotocamere differenti). Poi bisognerà anche testarli sti sw prima di rilasciarli? Per me la frammentazione deriva principalmente dalla frammentazione dell’hardware; ci sta poco da fare

    • Tersicore1976

      Così che la sifferenza sia solo nel costo di vendita? Perchè a parità di SOC prevarrebbero solo dei valori del tutto ininfluente e non capibili dagli utenti? O perchè si segua la “moda”? Se io ho in mano un Note ho i miei motivi. Con sopra un Android Stock che non mi fa fare nulla di diverso dagli altri passo a IOS.

  • Maicol

    Il problema non sono solo i telefoni da 30€, ma anche i top di gamma che solo da poco hanno ricevuto i primi aggiornamenti a Marshmallow.

  • Luca

    qualcuno mi spiega perchè la frammentazione dovrebbe essere un problema?
    perchè si fanno inutili confronti con la apple?
    che dobbiamo fare??? obbligare la gente a comprare telefoni più performanti??
    e se volessi tenermi un kitkat e basta???
    ma per piacere!!!!!

    • Luigi2000

      ma è così che li obblighi a passare a telefoni più performanti, poi penso che se uno spende 700€ per un telefono abbia diritto ad un software aggiornato e non mi dite che tra marshmallow e kitkat non passa differenza

    • LucaS5

      Sì ma immagina se in molti avessero ancora dispositivi con android 2 o precedenti. Ci sarebbe ancora più giungla che adesso.
      Un sviluppatore sarebbe costretto a far pagare un’app. almeno il doppio di adesso perché la stessa app deve essere riscritta per versioni diverse del sistema operativo.

    • Luca

      e perchè mai? esiste la tabella delle compatibilità.

    • LucaS5

      Facendo un parallelo telefonia – pc: office 95 non funziona su Windows 10.
      Ecco cos’è la frammentazione.
      Se vuoi tenerti windows 95 sappi di avere dei limiti. Idem per versioni vecchie di android.
      Da un lato è giusto, altrimenti saremmo ancora fermi a windows 95 e ad android Cupcacke

    • R4nd0mH3r0

      telefoni più performanti? La colpa è dei produttiri che abbandonano i telefoni senza quasi aggiornarli, e google è in parte colpevole, perchè non è in grado di dare un sonoro calcio nel sedere agli stessi per far si che si impegnino di più sul fronte degli update.

    • Tersicore1976

      È un problema per gli sviluppatori che devono scrivere parte del codice per avere la massima ottimizzazione sui nuovi SO. Un mio amico su S6 aveva un’app (non ricordo se di Feed o che altro)… ebbene aveva un battery drain solo su MM… È tornato a LL per poterla usare e non vedere la batteria prosciugata. E non venitemi a dire che la colpa è dello sviluppatore perchè non ha ancora aggiornato. Per un misero 10% sta aspettando di rilasciare una versione quasi del tutto nuova.
      Se vuoi saperlo, su IOS a meno che non vogliano mettere novità per il 3D Touch, un’app gira senza problemi su almeno 2 o 3 versioni di IOS…

    • Quotatore

      Quoto

  • Ettore

    A me sembra un falso problema. Io uso un Note 4 aggiornato a 6.0.1 e un S2 rimasto a 4.1.2. L’S2 funziona regolarmente e il suo limite è l’hardware datato non la versione di Android.

    • Tersicore1976

      In realtà un problema c’è. Google aggiunge sempre delle nuove API per permettere nuove integrazioni e funzioni. Se uno sviluppatore deve perdere tempo per assicurarsi la massima compatibilità e ottimizzazione verso un misero 10% non ha così fretta di aggiornare le sue App. A meno che non stia sviluppando una Major Release e quindi “non gli costa nulla” rendere il tutto compatibile al 100% con Android 6.01. E altrimenti non si spiega come molte app crashino più facilmente su MM che su LL o KK…

    • franky29

      Ma le nuove api non sono retrocompatibili con le vecchie?

    • ghost

      Si ma comunque molte animazioni o transizioni non sono possibili per i vecchi sistemi sono letteralmente in modalità compatibilità

    • franky29

      E pazienza inseriscono nelle opzioni la possibilità di scegliere tra il tema materiale e il tema holo e si sbrigano

    • Tersicore1976

      Bhè si, è vero. Ma aggiungono anche nuove API che permettono di avere nuove funzioni. Esempio: “una volta” (non è una fiaba) mi sembra di ricordare che ogni App poteva avere un suo servizio, per usare il GPS. Questo portava ad avere diverse App, che potevano cercare di usare il GPS in simultanea. Non dico che “abbia copiato Apple”, ma ora c’è un solo servizio che “condivide” la posizione. Ogni App che usa il GPS usa quelle API. Un’app che non sfrutta quelle API perché non aggiornata, non funziona in modo ottimizzato. Di contro chi ha un SO che non ha quelle API continuerà ad avere App che singolarmente useranno il GPS. Se invece fossero “scritte” per usare solo le nuove API, le app non sarebbero compatibili, e quindi niente update… Spero di non aver sbagliato esempio.