twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Ago 052014
 

Vi abbiamo già parlato dei recenti rincari dell’equo compenso SIAE e di come questi vadano alla fine a colpire solamente il consumatore italiano.

Ebbene, dopo la Apple ora anche la Samsung ha deciso di adeguare i prezzi dei propri prodotti.

equo-compenso-samsung-siae

Negli ultimi giorni già diverse testate giornalistiche avevano parlato di un presunto comunicato interno del produttore in cui si chiede ai rivenditori di calcolare anche le nuove tariffe imposte dal governo,  abbandonando di fatto la classica cifra arrotondata a 9,99.

prezzo-ottico

La conferma diretta è però arrivata poco fa proprio dallo store online della Samsung, dove da oggi oltre agli accessori è possibile acquistare anche i nuovi Galaxy Tab S da 10,5″ e 8,4″.

aumento-prezzi-samsung

Il primo viene venduto a 601,56€ anziché 599, mentre il secondo a 501,57€ anziché 499.

Un aumento che preso singolarmente può apparire trascurabile, ma che considerato insieme a tutte le altre tasse e imposte varie italiane rende i prodotti del nostro mercato molto più costosi di quelli degli altri paesi.

 

per approfondimenti:
– Rincari equo compenso SIAE, aumentano i prezzi di tutti gli smartphone e tablet

  • Sniper

    Zitti e pagate, schiavi!

    • emiliano

      Esatto.. l’unico commento sensato.

  • Malcom

    Sarebbe molto interessante capire se i vari artisti guadagnano di più dalle varie opere o dai compensi siae.

  • Matteo

    Siae = Società Italiana Autorizzata all’Estorsione

  • jin

    Cambiare l’italia non è più possibile….
    Nessuno ha mai fatto una emerata Mi…..
    @Sniper non siamo schiavi….qui si è perso ben altro. …

  • franky29

    Ciòe ma vi rendete conto che siamo il paese con la pressione fiscale più alta del mondo 😱

  • emiliano

    PD del caxxo.

    • R4nd0mH3r0

      ah perchè, Silvio ai tempi del passaggio lira/€, ha vigilato vero???

      Politici, sono tutti uguali, fanno le scaramucce in pubblico, e in privato si spartiscono la torta tra di loro altrochè…

    • emiliano

      E allora di cosa parli….

    • emiliano

      Tanto per.. il pregiudicato berlusconi doveva vigilare sul euro voluto dal mortadella a 1936.27 lire????? Ma falla finita offendi la Tua intelligenza.

    • MarioMV

      Ti ricordo che il passaggio lira/euro lo ha fatto Prodi….

  • Andrea

    SIAE del caxxo ed il suo equo pizzo….

  • Padre Pio

    Beh… la vedo molto semplice… Per due euro da pagare su un cellulare da 300 euro, (non tanto per il valore economico quanto per il modo e le motivazioni idiote, mi scarico intere discografie, intere serie televisive e film a sbaffo… Povero gino paoli e povero franceschini… fate pure… tanto ci guadagniamo sempre noi.

  • Famodo

    C’era una petizione da firmare in merito a quest’ennesima truffa ai danni dei cittadini, a quanto pare non è servita a nulla ma il Sig. Franceschini non doveva accettare la richiesta della SIAE per un aumento pari a 5 volte la vecchia tassa, inoltre loro “sempre il sig. Franceschini e la SIAE” dicono che la tassa non è a carico del cittadino ma dell’azienda produttrice, credono per caso di parlare con un popolo di zombie? il produttore mica è fesso! i soldi se li prende dall’utente e l’utente per non farsi fregare compra dall’estero e bay bay economia italiana, qualcuno ha fatto i conti e ha scritto che il nostro equo compenso costa meno degli altri stati, io rispondo, ma va la, va la.

    L’equo compenso in realtà non copre i costi della pirateria ma i costi della copia privata, ovvero, compro un CD originale e mi faccio una copia di backup oppure trasferisco il contenuto su di una pendrive o su di uno smartphone, quindi quello che prima era lecito fare, oggi per farlo bisogna pagare ma la cosa assurda è che l’equo compenso lo paga anche chi in azienda acquista hard disk per i propri backup aziendali e non copierà mai musica o video.
    Le cose all’italiana son questi, noi siamo figli delle tasse e della burocrazia.