twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Giu 182014
 

Davvero brutte notizie per chi ha deciso di fidarsi dei cloni cinesi dei Samsung Galaxy.

La Gdata, nota software house tedesca impegnata nel campo della sicurezza, ha infatti scoperto in alcuni di questi prodotti la presenza di forme di spyware già preinstallate di fabbrica.

Le indagini sono iniziate in seguito alle segnalazioni ricevute da parte degli utenti che hanno poi spinto la società ad esaminare approfonditamente il firmware dei cloni.

clone-galaxy-s4

I risultati hanno portato alla luce del codice malevolo camuffato da processo del Play Store, in grado di raccogliere e inviare verso server cinesi anonimi una serie di dati personali impossibili da identificare con certezza, ma che potrebbero comprendere informazioni bancarie, account, carte di credito, telefonate, messaggi e altro ancora.

Il codice ovviamente non può essere disabilitato in quante parte integrante del software del telefono, non viene rilevato dagli antivirus e agisce completamente all’insaputa dell’utente.

star-n9500

Ma attenzione, questa purtroppo non è una semplice notizia di attualità.

Il prodotto incriminato (ma anche l’unico preso per ora in esame) è la diffusa riproduzione del Galaxy S4 chiamata N9500 prodotta dalla Star, un azienda a cui appartengono la maggior parte dei cloni dei Galaxy che si possono trovare in commercio in Italia, soprattutto su Ebay ed Amazon.

Non è da escludere però che questa “politica” possa riguardare anche altri produttori di cloni cinesi.

 

Una storia che dovrebbe insegnare due morali.
La prima è di diffidare sempre dalle imitazioni a basso costo. La seconda invece è che gli antivirus su Android non servono assolutamente a nulla.

 

fonte gdatasoftware.com via androidauthority.com