twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Nov 132011
 

ATTENZIONE
Quanto riportato in questo articolo è ormai superato.
Trovate la situazione aggiornata in 
Alcune avvertenze su root, installazione rom cucinate
e l'utilizzo di odin

 

In questo articolo cercheremo di fare chiarezza su alcuni dubbi molto diffusi tra gli utenti del Galaxy S2 quando tentano di flashare rom cucinate o installare kernel modificati.

Come vi abbiamo già detto in Alcune avvertenze su root, installazione rom cucinate e l’utilizzo di odin nel Samsung Galaxy S2 esiste un contatore che tiene traccia del numero di rom cucinate installate dall'utente oltre che un triangolo giallo visibile durante la fase di avvio del telefono.

Inizialmente per azzerare il contatore e togliere il triangolo giallo era sufficiente usare il JIG, ma con tutti i nuovi firmware (esattamente dalle versioni KI?) la Samsung ha modificato il bootloader in modo da impedire questa operazione.

La soluzione fortunatamente esiste già, anche se comporta una procedura un po' più lunga rispetto al passato.
Occorre innanzitutto flashare uno dei vecchi firmware antecedenti alle versioni KI? (ad esempio il I9100XWKG1) per riuscire così a sfruttarne il bootloader sbloccato e poi col JIG azzerare il contatore e togliere il triangolo giallo, proprio come avveniva inizialmente.

In seguito l'utente potrà poi procedere normalmente ad installare un firmware originale tramite Odin.
Ricordiamo ancora una volta che l'utilizzo di odin con firmware originali non contribuisce ad incrementare il contatore o far apparire il triangolo giallo.

 

Per la verità sul web si trovano anche altre procedure, alcune abbastanza contorte che noi non abbiamo mai capito ne condiviso.

Ad esempio dopo aver installato una rom cucinata, per eliminare il triangolo giallo alcuni suggeriscono di estrarre e installare il kernel stock Samsung corrispondente al firmware su cui si basa la rom, per poi reinstallare sopra quello previsto dal cuoco tramite CWM Manager.

Sinceramente riteniamo più pulita e sicura la soluzione descritta ad inizio articolo.

 

Va detto comunque che ad oggi non sono stati ancora segnalati casi di Galaxy respinti dai centri assistenza Samsung per la presenza di "manomissioni" da parte dell'utente. 

Effettuare le operazioni indicate ad ogni flash di rom o kernel modificati non ha molto senso secondo il nostro parere. 
Se il telefono in seguito ad un grave guasto non risultasse più accessibile, come faremmo a resettare il contatore o a ripristinare il firmware ufficiale? E se invece fosse possibile, perchè mai dobbiamo allora farlo ogni volta?
Spesso sono le nostre stesse manie o paranoie a metterci in trappola e a complicarci la vita.