twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Nov 222012
 

 

Abbiamo già visto, prima nel Galaxy S3 e poi nel Note 2, come la Samsung sia impegnata nello sviluppo di funzioni software sempre più avanzate che sfruttano i sensori dei moderni smartphone.

Tra i brevetti depositati di recente dalla casa koreana, troviamo una tecnologia che permetterebbe addirittura di compiere determinate operazioni senza toccare lo schermo del dispositivo (tablet, smartphone o notebook).
 

Si tratta dell' Air-Gesturing, un sistema basato sull' utilizzo della fotocamera frontale, proprio come avviene per le funzionalità Smart Stay e Smart Rotation.

Sfogliare ebook, scrollare le pagine o avviare applicazioni rappresentano solo una parte dei possibili impieghi di questa nuova tecnologia.

Difficile prevedere se l'Air Gesturing arriverrà già con i prodotti che usciranno nel corso del 2013.
Ma quasi sicuramente, Samsung avrà già preparato qualche nuova chicca software da far debuttare sui prossimi top di gamma.
 

fonte patentbolt.com

  • bocao

    Un esempio?Galaxy s IV:)

  • mialemat

    Secondo il mio modesto parere difficilmente l'uomo si abituerà a condurre delle attività senza toccare fisicamente l'oggetto con il quale interagisce. Sin dalla nascita siamo abituati a "toccare" piuttosto che ad agitare le mani.
    E' un comportamento innato nell'uomo. Basta osservare un bambino quando interagisce con il mondo. Tocca tutto.
    Ma chissà che l'Air Gesturing non introduca un cambiamento epocale nell'uomo. Quando sono stati inventati gli auricolari bluetooth osservando gli interlocutori si pensava fossero dei matti che parlavano da soli. Oggi non ci facciamo più caso….
    Un saluto a tutti

  • davide

    ma poi è un pochino brutto

  • Soundpost

    Se è per questo l'uomo non era neanche abituato a volare, ad andare in motocicletta, ad andare sotto i mari, a parlare a distanza, eccetera, eccetera… Ci abitueremo a questo e a molte altre cose. Ad esempio sono allo studio da anni (e anche con risultati niente male) modi per far comunicare direttamente il cervello con i computer, in modo da non dover neanche muovere le mani per farci capire dalla macchina che avremo davanti. Per ora si tratta di dispositivi sperimentali, orientati soprattutto (ma non solo) a chi ha problemi gravi di movimento. Ma un giorno queste tecnologie potrebbero entrare nella vita di tutti i giorni, ad esempio quando guidiamo potremmo comandare il nostro cellulare del futuro e far partire una chiamata, un'email o qualunque altra cosa solo pensando…

  • Xserses

    Al presente sono d'accordissimo con mialemat, in effetti mio nipote tocca tutto e di più, ma prevedere come sarà il futuro risulta un poco problematico, ma sono anche in accordo con Soundpost nelle sue considerazioni… Tutto sta se ci sarà un futuro!