twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Dic 272015
 

Tra i motivi della crisi del Gruppo Samsung nel settore mobile potrebbe esserci anche il fatto di aver sempre messo in secondo piano la parte software per puntare tutto esclusivamente sull’hardware.

A sostenere questo non sono solamente quei possessori di un Galaxy che negli ultimi anni si sono sentiti traditi da alcune scelte del produttore koreano, bensì pure alcuni ex dipendenti e dirigenti Samsung intervistati dalla nota agenzia giornalistica Reuters.

samsung logo ufficio

Secondo molti di loro nei piani alti della società ha sempre predominato una cultura ingegneristica che ha portato a considerare il software solamente come un semplice strumento di marketing, finendo poi con l’essere abbandonato dopo poco tempo dal lancio del prodotto principale.

E come esempio vengono riportati proprio quei servizi quali ChatOn, Milk e tanti altri che non sono riusciti a sopravvivere per più di un anno.

Puntare tutto sull’hardware comporta poi di preoccuparsi solamente del breve periodo, evitando di sviluppare soluzioni software che in qualche modo possano aiutare a fidelizzare maggiormente la clientela nel tempo.

Un problema che si fa sentire soprattutto con i telefoni di fascia media e bassa dato che la concorrenza (soprattutto quella cinese) riesce ad offrire prodotti con le stesse caratteristiche hardware ma a prezzi molto più bassi.

Nell’ultimo periodo sembra però esserci stata una svolta, seppur parziale.

unpacked galaxy s6

Ad esempio abbiamo visto che anche i Galaxy di fascia media oggi sono in grado di offrire funzionalità software più interessanti (vedi Galaxy S5 Neo o i nuovi Galaxy A) rispetto al passato. Inoltre con lo sviluppo di Samsung Knox e Samsung Pay la casa coreana ha saputo dare ai suoi clienti dei servizi unici che il mercato sembra aver apprezzato molto.

Non è un caso che proprio dietro a questi ultimi due piattaforme software ci sia D.J. Koh, ora a capo della divisione mobile al posto di J.K. Shin entrato in Samsung come ingegnere elettronico.

  • virtual

    Indubbiamente, ma mi pare che ultimamente anche le scelte hardware siano state discutibili… Non ascoltano quello che chiedono i loro clienti (es. batteria rimovibile, SD, ecc.) preferendo assomigliare al competitor Apple che però ha dalla sua una maggior cura del lato software.
    Devono tornare ai tempi del Note 2 – Note 4, focalizzandosi però anche su un software più ottimizzato (non solamente togliendo funzioni come è stato fatto con la TouchWiz dell’S6).

    • GB ego sum

      Io sono uno di quelli che quest’anno non hanno comprato nemmeno un Samsung e non solo perché il Note 5 non è venduto in Europa, ma perché ritengono che 32 GB non espandibili siano una clamorosa presa per i fondelli, così come la batteria fissa senza l’ampiamento del periodo di garanzia ad almeno 24 mesi anche su quest’ultima (vista la pessima qualità delle batterie Samsung).
      Domanda: siamo davvero così pochi a pensarla in questo modo? Eppure non mi pare di essere molto originale.

  • Emanuele

    Penso che sia così. Per esempio io ho un s5 con gear 2 neo. Prima aveva una funzione utilissima. Nel gear manager stava un’opzione per usare il gear come blocco del telefono cioè se usavo il telefono in mano avendo il gear al polso quando chiudevo lo schermo per attivarlo non c’era bisogno di mettere Pin o segno preimpostati, invece se mi allontanava dal telefono già a 1 metro e mezzo se qualcuno accedeva al telefono in automatico metteva il blocco preimpostato, quindi Pin impronte o segno. Funzione utilissima che poi con lollipop tolta così come lo scrolling delle pagine web con gli occhi.

  • LucaS5

    E dei millemila modelli vogliamo parlarne?

  • Alfio Perego

    E delle applicazioni preinstallate ( che non servono ) ne vogliamo parlare.

  • ?๏?χ

    In realtà parlerei di mancato supporto software anche per alcuni telefoni di fascia alta.
    Le scelte di marketing di Samsung un po’ stufano, molti faranno anche un confronto con Apple (la gente vede spesso solo Samsung vs Apple) che non è perfetta ma sta ancora supportando iPhone 4S, telefono del 2011.

    Io di certo non passo ad Apple anche perché amo Android. E continuerò ad acquistare Samsung fino a quando altri produttori presenteranno alternative valide alla serie Note.
    Perché i Note sono l’unico motivo per cui scelgo questa azienda.
    Eppure sono trascurati ingiustamente anche loro: Note 3 attualmente con Lollipop va peggio che con KitKat ma Samsung non si degna neanche di aggiornarlo alla 5.1.1, ormai lo dimentica volutamente.
    Oggi è un terminale attualissimo che non ha molto da invidiare ai suoi successori, al suo tempo era imbattibile in tutto con uno Snapdragon 800 e 3GB di RAM che a parer mio sono ancora attribuibili a una fascia medio-alta.
    Dovrebbe ricevere anche Marshmallow, ma è evidente che Samsung ha programmato di abbandonarlo.
    E mentre un telefono di questo calibro viene lasciato così a se stesso, Asus aggiorna i telefoni di fascia medio-bassa a Marshmallow ottimizzando tutto magistralmente e anche Huawei aggiorna il G Play Mini a Marshmallow.

  • E’ inutile fare gli splendidi e pensare di aver trovato l’ago nel pagliaio.
    La lista e molto più lunga, talmente lunga che servirebbe un computer della NASA per stilare una lista.
    La trascuratezza della parte software è solo la punta del iceberg.

  • Giuseppe Di Feo

    se samsung installasse su tutti i suoi terminali android puro, vedrete che il suo mercato sara diverso…

    • deepdark

      Veramente esistono dei samsung con android puro, non hanno venduto una mazza, nexus compresi…..

    • andrea55

      Infatti comprerebbero un nexus

    • Giuseppe Di Feo

      sono 2 cose diverse….Nexus e galaxy…

    • andrea55

      Sono diverse anche perchè il software è diverso

    • franky29

      ma non ha senso un android puro devono solo ottimizzare la loro parte software invece la imbottiscono e basta

  • Tersicore1976

    Che Samsung abbia fallito nella creazione di alcune app e piattaforme è dovuto più che altro alla incompatibilità verso gli altri produttori. Sperare di “far vivere” il Samsung HUB (Musica, Film, Libri ecc…) puntando solo sui propri utenti è sinonimo di egocentrismo. Quanto doveva spendere ogni utente Samsung al mese, perché questo servizio fosse remunerativo? E quanto avrebbero dovuto usarlo perché avesse un senso? I fatti hanno dato torto a Samsung. Progetti e piattaforme sospese. Anche Chat On: perché creare un prodotto solo per i Samsung? Non ha capito che si trovava su piattaforma Android e che quindi serviva un programma che si poteva installare su ogni smartphone? Questo è stato fatto solo in tempi brevi, ma il programma c’è da S3 se non prima.
    Per il resto: Samsung mette, Samsung toglie. Toglie funzionalità, aggiunge altre cose che non servono, altre utili vengono abbandonate. Ieri ho ripristinato un S3 alla 4.1.2… Non ricordavo tutti quei “movimenti” inutili di zoom delle foto, dello spostamento delle icone ecc… però ha tolto il riconoscimento del volto per evitare che un utente “svaccato sul divano” non si vedesse girare, senza volerlo, lo schermo.
    Su Note 5 (ma ho il controllo sulle Rom per Note 3, quindi mi scuso se non è così) sembra abbiano tolto la funzione di riconoscimento della scrittura sulla tastiera. Di fatto il riconoscimento serve solo per i meno rapidi, S-Memo e inserimento diretto: perché? Hanno capito che gli utenti comprano perché è il Top di Gamma di Ottobre e non perché è “un Note”?
    Io di mio ho visto sempre tanta, ma tanta confusione. Non sanno cosa serve ad un utente, cosa è inutile e cosa invece è utile.
    E in tutto questo, per ultimo, mettiamoci che i vecchi prodotti non ricevono le novità complete dei prodotti nuovi.
    Per una società che punta sull’Hardware, sulla potenza, dovrebbe essere ininfluente che lo stesso identico firmare giri su Note 3 e Note 5… perché tanto è la potenza che conta per loro, no? Quindi se è così devono credere che conti anche per gli utenti, i quali “preferirebbero Note 5 a 64 Bit con 4 Gb di RAM” che un Note 3 con le stesse funzioni ma su un “32 Bit, con 3 Gb di RAM”.
    Invece rendono vecchi i prodotti, ancora prestanti, sistematicamente obsoleti, semplicemente fermando la produzione del software.
    Comunque una società che chiede aiuto a Google per avere una interfaccia fluida (non si parla si “male lingue” che inveiscono sulla “LagWiz”, ma sono proprio News concrete) ha qualcosa che non va nel settore software, su questo non ci piove.

    • deepdark

      Parli come se gli altri non facessero gli stessi “giochini”, soprattutto nell’ultima parte del tuo commento. Inoltre quello che samsung toglie, al 90% lo recuperi con altre apps. Ah, c’è da dire che tutti quelli che conosco e che hanno un note, lo usano solo come un cell con lo schermo più grande.

  • Comeunacatapulta

    Samsung deve semplicemente smetterla di guardare Apple, io col software mi trovo bene però alcune cose fanno girare le scatole…

    • Egidio CONTE

      Ho un s5, è il terzo galaxy che ho posseduto ed effettivamente mi sono rotto le scatole della politica di samsung di rilasciare le novità software solo all’ultima versione del loro top di gamma, senza aggiornare (nelle funzionalità) i precedenti top di gamma, mi da parecchio fastidio che per il s5 non abbiamo aggiornato touchwiz alla stessa versione del s6, mi interessa avere anche sul s5 una gestione dei temi come sul s6, tra l’altro si tratta di una scelta antieconomica, visto che puntando sulla vendita di temi, sul loro market potrebbero guadagnare ben di più, di quello che guadagnano adesso.

    • Comeunacatapulta

      Per i temi non ti perdi niente ahahah

    • Egidio CONTE

      Visto che si tratta di una funzionalità che c’era anche sui vecchi symbian, la vorrei anche su android, se poi si rivela inutile o no è un’altra cosa.

    • deepdark

      Esiste ancora qualcuno che usa la tw??? E, notizia delle notizie, i temi li puoi installare anche senza il supporto samsung!!!

    • Franco

      Direi che più o meno qualche centinaio di milioni di utenti Samsung usano la TW.

    • Cristiano Cento

      Forse l’1% utilizza launcher alternativi.Tutte,e dico tutte,le persone che hanno un telefono Android e che conosco non hanno la più pallida idea di cosa sia il launcher…

    • deepdark

      A dirti la verità non me conosco neppure uno…

    • Egidio CONTE

      Con il S5 preferisco usare la tw, rispetto ai lancher che ho utilizzato sui galaxy precedenti.

  • deepdark

    “dato che la concorrenza (soprattutto quella cinese) riesce ad offrire prodotti con le stesse caratteristiche hardware ma a prezzi molto più bassi.” grazie al caxxo, se ne fregano di ogni norma, così son bravo pure io. Almeno samsung non produce da foxconn…
    Aggiungo, se il problema fosse solo di samsung i vari lg, htc, sony vendono molto ma molto meno.

  • Cristiano Cento

    Oh finalmente l’hanno capita….basti dire che con l’ultima TW di S6 (quindi non un medio gamma) non c’è possibilità di far accendere il display alla ricezione di una notifica.Solo Samsung può fare certe idiozie.

    • Giovanni Priolo

      Basta semplicemente guardare il led delle notifiche, altrimenti che lo mettono a fare?

    • Cristiano Cento

      Vedi perche samsung va male?perche ci sono utenti che ad ogni costo devono giustificarne gli errori…ma cosa vuol dire “guarda il led di notifica,che lo mettono a fare?Perche tu dal led di notifica leggi chi ti ha scritto?cosa ti ha scritto?Come dice nicolò,l’innovazione di L sono proprio le notifiche su blocca schermo,utilissimo quando hai il cell sottomano e vedi ogni volta chi ti ha scritto,cosi puoi anche decidere di non leggere se non ti interessa.Perchè devono aver tolto la funzione?per poi dover installare un programma a parte?ho da un mese un MI4C,la miui 7 è 100 anni avanti alla TW.

    • Giovanni Priolo

      Guarda, solitamente mi capita di perdere delle notifiche perché non ho il tel con me. Quando lo riprendo se vedo il led lampeggiare, premo il tasto centrale e attivando lo schermo vedo la notifica. Molto semplice come azione. Non riscontro un mal funzionamento/mancata funzione della touchwiz sotto questo aspetto, poi ovviamente è tutto molto soggettivo 🙂

    • Cristiano Cento

      Si ma dai,ma perchè togliere funzioni?a te sta bene cosi,a me no,all’altra persona che ha risposta qua no..quando presi s6 c’era un thread dedicato a questa cosa…Non sarebbe piu logico e facile mettere,come nella miui,l’opzione:”accendi il display alla ricezione di notifiche” ? bah

    • Giovanni Priolo

      Infatti ho scritto che la cosa è soggettiva, d’altronde non ho scritto io che la mancanza di questo è una idiozia, ho semplicemente detto che alla fine grazie al led di stato le notifiche non le perdo. Purtroppo con la nuova touchwiz più che ottimizzazione c’è stata una rimozione di funzioni, che non ha reso più leggere le rom o una minor richiesta di ram

    • Cristiano Cento

      Esatto!un’altra cosa insopportabile…samsung aveva una sveglia perfetta….hanno tolto la possibilità di decidere il tempo di posticipo e quanti tentativi di posticipo.Poi come hai detto tu,9gb di rom e 2,5 di ram occupata all’avvio.Boh.

    • Nicolò

      Io utilizzo screen notification… Che fa esattamente quello che dici… Però effettivamente sono d’accordo con te anche perché questa funzione è propria di lollipop non capisco perché non l’abbiano inserita di default…

    • Cristiano Cento

      Esatto facevo anch’io cosi !

  • Antonio Jack Lubrano

    Invece togliere la memoria espandibile, batteria removibile e sensore infrarossi è stata la miglior mossa del mercato secondo loro?
    Poi in tutta onestà credo che si tratti di pubblicità falsa ed ingannevole quando su un prodotto su cui vengono dichiarati 32gb all’accensione ci si ritrova con scarsi 19.8gb.

    Per il resto credo che samsung abbia toppato alla grande quest’anno e da possessore di Note 3 (Morto e sepolto se fosse rimasto stock) non comprerò mai più un loro prodotto, tanto le alternative valide esistono eccome 😉