twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Gen 182018
 

Il futuro, o meglio il presente, del settore mobile sembra girare tutto intorno all’intelligenza artificiale.
Società come Apple e Huawei nei loro rispettivi top di gamma iPhone X e Mate 10 Pro hanno già iniziato ad implementare unità di calcolo neurale dedicate (le NPU, Neural Processing Unit).

Il loro vantaggio è quello di analizzare, processare e immagazzinare dati complessi e algoritmi legati all’intelligenza artificiale senza appoggiarsi a server cloud esterni, facendo a meno quindi di una connessione Internet sempre attiva.

Samsung in questo campo è un po’ in ritardo (nessun suo Galaxy prevede delle NPU), ma da quanto si apprende da fonti ben informate è ormai quasi riuscita a raggiungere il livello dei concorrenti.
L’unità di calcolo neurale su cui sta lavorando è infatti di gran lunga superiore a quella di Apple (600 giga di operazioni al secondo) e al momento anche a quella di Huawei (4 tera di operazioni al secondo).

Il problema però è che dovrebbe riuscire a completarla solamente per il Note 9, il cui lancio è atteso per settembre.

exynos 9810

Quindi se la notizia fosse confermata significherebbe che neppure il Galaxy S9 potrà contare su una NPU, almeno non inizialmente in quanto secondo quanto pubblicizzato dalla società koreana il suo chipset Exynos 9 9810 è già in grado di supportare le reti neurali (il supporto potrebbe essere garantito successivamente tramite software).

Insomma i conti non tornano, anche perché tra 6 mesi sia Apple che Huawei sicuramente saranno riuscite a sviluppare tecnologie ancora più potenti.

Per scoprirne di più sarà forse necessario attendere il Mobile Word Congress, l’evento dove secondo la stessa fonte Samsung inizierà a mostrare qualche potenzialità del suo chip per l’intelligenza artificiale.

 

fonte The Korea Herald