twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Dic 242014
 

Probabilmente farà molto discutere la delibera dell’Antitrust italiano nei confronti di Samsung Italia, accusata di aver diffuso dal 2013 informazioni commerciali non corrette in merito alla capacità della memoria interna di alcuni suoi smartphone e tablet.

memoria-interna-galaxy-s4

In particolare l’oggetto della sanzione sarebbe la differenza esistente tra lo spazio effettivamente a disposizione dell’utente al primo avvio e quello nominale che veniva indicato all’interno delle schede tecniche del suo sito, dove in alcuni casi si faceva capire che quest’ultima poteva essere utilizzata per intero per salvare musica, video, foto e app.

“i 4 GB di memoria, espandibile fino a 32 GB con moduli micro SD, possono ospitare applicazioni, musica, foto, video e documenti in quantità”

Nelle pagine dei prodotti infatti non veniva affatto specificato che una parte della memoria interna è occupata dal sistema operativo e dalle varie applicazioni di sistema.

Se per alcuni smartphone di fascia alta questa differenza si può considerare nella norma, per quelli di fascia bassa dove solitamente la memoria interna non è elevata l’utilizzo del prodotto risulta fortemente limitato, proprio come evidenziato dalla seguente tabella.

tabella-samsung-memoria-interna-disponibile

Seppur le considerazioni dell’Antitrust siano assolutamente ineccepibili, l’intera vicenda ci lascia comunque perplessi.

Innanzitutto perché il problema nel non evidenziare la differenza tra la capacità nominale e quella effettivamente utilizzabile dall’utente riguarda da sempre un po’ tutti i tipi di memoria immessi in commercio.
E nel settore dei dispositivi mobile non accade solamente con i modelli della Samsung, ma anche quelli di tutti gli altri produttori.

Samsung Italia lo ha risolto da un paio di mesi aggiungendo nelle schede tecniche le seguenti note:

memoria-interna-samsung-libera

Di fatto quindi per l’utente finale non cambia nulla visto che lo spazio utilizzabile rimane sempre quello e che dipende dal prodotto da lui scelto.

Inoltre tutta questa vicenda che si è conclusa per la Samsung con una multa da ben 1 milione di euro è partita da delle segnalazioni ricevute soltanto da due consumatori (il 19 febbraio 2014 ed il 21 maggio 2014).

Insomma, rimanendo nel mondo delle telecomunicazioni riteniamo che i casi in cui i diritti dei consumatori vengono violati siano molti di più e anche ben più gravi di questo sanzionato dall’antitrust.

Perché allora non intervenire in questo modo anche per tutte le altre segnalazioni ?

Per approfondimenti qui la delibera dell’antitrust.

  • la segnalazione ricevuta è venuta da due persone che hanno esclamato one more thing. XD

  • Mauri

    Ottima notizia, direi che possiamo metterci d’accordo anche tra di noi.
    Ad esempio potremmo segnalare le informazioni non corrette sulle velocità delle adsl che non raggiungono mai i valori nominali. Visto che bastano due segnalazioni…

    • andrea fava

      Non credo. Io ho lo stesso problema ma il contratto parla di velocità teorica massima raggiungibile o qualcosa del genere. Culo parato da parte loro, messa in cul.. per noi.

  • jonnyhienergy

    qualcuno ha il problema sull’s5 che di colpo la batteria dura la metà con server multimediale che consuma il 50 % circa delle risorse? sembra diffuso ma qui non mi pare se ne parli… qualche suggerimento?

  • stambeccuccio

    Secondo me fanno bene a multare.. e se qualcuno fa ricorso verso altri, multano anche gli altri.
    La chiarezza ed il rispetto del cliente per queste grandi multinazionali, visto lo strapotere economico che hanno, sono diventati un optional e ti considerano nemmeno un essere umano, ma solo un pollo da spennare.
    R I S P E T T O e C H I A R E Z Z A sono le parole d’ordine.
    Per chi inganna: multe, fuori dal mercato ed in ultima analisi anche in galera nei casi di vere e proprie truffe.

    • Packy Ricucci

      ?????????????

    • stambeccuccio

      Continuo a pensare che sei buho..
      cmq, visto che è Natale, Buon Natale anche a te.

    • Pasquale Ricucci

      Pensi male ma cmq buon natale !!

    • Pasquale Ricucci

      E per quanto riguarda il tuo commento trovo ridicolo che per 2 segnalazioni si multa di un milione di euro!!a questo punto multiamo tutti!tanto non arrivano questi soldi ne a me ne a te giusto?detto questo buon natale

    • Raizen_01

      TripAdvisor: 1 segnalazione –> 500.000 €
      Samsung: 2 segnalazioni –> 1.000.000 €

      Seems legit

  • anto

    ahhh perchè esiste ancora gente che regali soldi a samsung ? ricredetevi su altri prodotti meglio di samsung……..nexsus sony motorola……….

    • SpiritoInquieto

      Ti è andata male… hai citato tutte marche che montano componenti di qualità progettati e costruiti nei laboratori Samsung.
      Detto ciò continuo a godermi la fluidità pazzesca della TouchWiz con Lollipop sul mio S5.

    • Karl

      Fluidità e Touchwiz nella stessa frase… Ma lól!

    • SpiritoInquieto

      Una certa persona non ha mai potuto permettersi un top di gamma Samsung della serie S.

    • licio

      O della serie Note… Purtroppo alcuni non arrivano all’uva e dicono che è acerba…
      Io ho un note 3 con lollipop ed è una scheggia, mai un lag o bug…

    • Luca

      Cosa fumi? Dimmi un solo dispositivo che può competere con il Note, poi ne riparliamo.

    • andrea fava

      Peccato che tu non sappia neanche di cosa stai parlando. Il che la dice lunga sul lavaggio del cervello che fanno i media e vari siti di sedicenti “esperti”tutti i giorni.

    • Raizen_01

      L’unico marchio migliore di Samsung è…

      Samsung! 😉

  • Giannetto77

    se va multata samsng per questo vanno multati tutti…western digital,segate,kingstone,crucial,sandisk. ecc ecc ecc io direi mettiamoci daccordo e facciamo qualche segnalazione anche noi…vediamo cosa succede? no!!!

  • Famodo

    Sicuramente la Samsung non pagherà questa multa perché a questo punto la dovrebbero pagare tutte le altre case costruttrici “come già detto”, il problema vero non è la quantità di memoria ma la quantità di presa in giro da parte di tutti quelli che ci “offrono” servizi, non sono d’accordo con la multa a Samsung semplicemente perché tende a ledere un solo costruttore che pagherebbe le colpe di tutti. Per chi si lamenta degli acquisti Samsung, amico caro, qui ognuno compra quel che gli pare e piace e volente o nolente ci sono quelli “come me” che hanno iniziato a conoscere android con Galaxy S e sono arrivati al Note 4 in due balzi, ovvero, passando dall’ottimo S3 e tutti ancora perfettamente funzionanti e in piena forma.

    Visto che siamo nel giorno di Natale vi Auguro per l’appunto un Buon Natale.

  • Sergio

    Ritengo che il principio delle chiarezza assoluta dovrebbe essere una costante per chiunque.

  • LucaS2

    C’è poco da essere perplessi.
    Quasi tutti i brand applicano tecniche commerciali scorrette. E’ giusto che paghino per le loro malefatte.

  • Davide

    Vuol dire che l’antitrust italiana ha bisogno di soldi e si rivale sulle schiocchezze quando ci sono violazioni ben più gravi

  • Michele

    Secondo me hanno semplicemente poche “conoscenze” e amicizie ai piani alti.
    Sappiamo come funziona in Italia.
    Per fare un esempio quelli della TIM (Telecom Italia Mobile) possono fare quello che vogliono senza essere multati.
    Il sottoscritto ha un piano tariffario da 40 euro al mese.
    Secondo quanto recita la pubblicità dovrei navigare “ALLA VELOCITA’ DELLA LUCE”.
    Invece navigo alla velocità di un carro trainato da un asino.
    Utilizzo il cell. fondamentalmente in due luoghi diversi.
    A casa mia (area scarsamente abitata) e in luogo di lavoro (centro città).
    La velocità dichiarata nel mio contratto è di 70 mega al secondo sotto copertura LTE.
    A casa mia, con l’LTE raggiungo circa 7mega (un decimo)
    A lavoro, con LTE tocco i 20mega quando sono fortunato (meno di un terzo).
    Nell’utilizzo quotidiano la velocità percepita è inferiore all’ADSL di mio padre (sempre rete telecom).
    Quindi se questo paese ITALIA fosse un paese serio, dopo che il sottoscritto chiama il servizio clienti 119 e si sente dire dagli operatori che va tutto bene, questo cazzo di antitrust dovrebbe fare qualcosa. O sbaglio?
    Ah, perché vi sia chiaro utilizzo un Galaxy Note4. Secondo la pubblicità di questa settimana dovrei navigare a 140mega al secondo. Straordinario!
    Antitrust CI SEI? MI ASCOLTI? O MI RISPONDI DI NUOVO CHE DEVO CONCILIARE con l’operatore?

    • Luigi

      La velocità di 70 mega si riferisce alla intera banda e non al solo download. Quindi in pratica LTE di Tim si dovrebbe aggirare sui 35 mega in download e 35 in upload. Parliamo sempre di velocità nominali. Chiaramente dipende dalla zona, dal numero degli utenti e dal server a cui ci si collega. A Formia prov. di Latina ti assicuro che avevo sempre banda piena e scaricavo alla velocità della luce. Il problema è che con LTE anche 30 gb al mese sono pochi. Purtroppo siamo ben lontani dai 120 mega di un contratto adsl base negli Stati Uniti. Ma siamo in Italia!

    • Il problema è sempre quello di cui sopra; ti dicono 70 ma già in partenza sono 35 e 35, non è che siamo tutti tecnici. Ti dicono 4 giga ma ne puoi utilizzare 1 solo.

    • Michele

      Ah si è così allora… specifico meglio le velocità misurate con speedtest. 6mega in download e 1mega in upload presso la mia abitazione (sotto copertura 4G LTE). 2mega in upload e 20mega in download dove lavoro (centro città).
      Quindi scontato il fatto che il vostro ragionamento non sta in piedi, resta che la velocità dichiarata NON è assolutamente quella reale. Nel mio caso, Telecom Italia Mobile (TIM) eroga un servizio estremamente scadente. Completamente diverso da quanto dichiarato nel contratto e in televisione. Multa?

  • Matteo

    Tra l’altro è così anche su altri sistemi, Iphone 6 da 16gb se non erro ha 12GB disponibili…

  • stambeccuccio

    raga’ scaricatevi e leggetevi questo (codice del consumo).
    È il Decreto Legislativo 205/2006 … è Legge dello Stato.. ed è un documento che tutti noi consumatori, utenti dovremmo conoscere ed aver letto almeno una volta.

    Poi fatevi un giro per i negozi (e siti di vendita) ed iniziate ad inviare le segnalazioni all’ ADUC (Associazione Diritti Utenti e Consumatori) e vedrete che le multe fioccano… se nessuno segnala le scorrettezze, mai nessuno verrà multato.

    AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato).
    Modulo di segnalazione on line qui

  • Callea

    L’antitrust dovrebbe multare Samsung per dichiarazione falsa riguardo i dpi dichiarati sui display con matrice pentile.
    Assurdo che nessuno dica nulla.

    • Azzorriano

      Ma cosa centra scusa? E comunque i dpi sono quelli in via teorica, se no cosa ci scrive … xxx dpi, ma per presenza di matrice pentile i dpi “reali” sono xxx-yy? Che poi anche se sono un pochino di meno gli schermi di S5 e Note 4 quest’anno si sono rilevati i migliori in assoluto, assieme al Lumia 930 e seguiti a giro stretto da iPhone 6.

    • Callea

      No, quando dicono 500dpi affermano il falso se lo schermo ne può risolvere realmente 400 o giù di lì.

      Capisco che sono sempre tanti e quindi nessun occhio se ne può accorgere ma è comunque una pratica commerciale molto scorretta perché concorrenza sleale verso chi dichiara i dpi reali.

      Tanto per fare un esempio la densità dei subpixel del Note 4 è praticamente identica a quella dell’iPhone 6 Plus, ma sulle specifiche è riportato 515dpi per il Note e 400 per l’iPhone.

      Un utente non informato potrebbe credere che il display del Note 4 abbia una risoluzione superiore, cosa appunto falsa.

    • Azzorriano

      Sì ma come fai a spiegarlo agli utenti? E allora scusami, perché le RAM dichiarate sono ad esempio 1 GB se poi a disposizione ne hai sempre realmente 800 MB, si sa che esiste quasi sempre una differenza tra dati teorici e reali, per gli amoled con matrice pentile accade anche con lo schermo, verissimo … ma questo non ne compromette l’usabilità non credi? Cioè alla fine se uno vuol comprare un Note 4 e gli dicessero “no guarda in realtà ha 400 dpi come l’Iphone 6 plus” non è che cambia idea solo per quello e compra l’IP6P non credi? Se applicassero la regola che dici tu diverrebbe un tale pasticcio che non si capirebbe più nulla!

  • Pippo

    Era ora che qualcuno intervenisse multando sti colossi, le mezze verità sono sempre balle. Comunque questo problema è anche di altre marche, tra le quali quelle italiane, perchè spacciano gli smartphone come marche italiane e invece sono cineserie ritoccate…. Fate caso al Komu e lo Zopo 🙁