twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Gen 192017
 

Come ormai ben sapranno i possessori di uno dei modelli degli ultimi anni, a causa delle tantissime protezioni implementate da Samsung per aumentare la sicurezza del suo software, effettuare il modding di un Galaxy oggi non è più così tanto semplice come lo era una volta.

E così come già capitato in passato in occasione dell’arrivo di nuove versioni Android, anche con Nougat ci sono alcune difficoltà nell’ottenere i permessi di root.

A segnalarcelo attraverso un post su Xda è direttamente Chainfire, il padre di SuperSu e dei CF-Auto-Root.

Pur non apportando alcuna modifica al firmware originale Android 7 della Samsung se non la semplice abilitazione dei privilegi di root, può capitare che i Galaxy S7 non riescano più ad avviarsi andando in un bootloop infinito.
Stessa cosa che accade a chi tenta di flashare solamente la recovery TWRP.

Purtroppo al momento l’abile sviluppatore tedesco non ha ancora idee su quale possa essere la vera causa di questo comportamento, ma come soluzione temporanea per applicare correttamente il root suggerisce i seguenti passaggi:

  1. installare la recovery TWRP 3.0.2-5 (download G930FG935F)
  2. senza far avviare il telefono, entrare subito nella recovery TWRP
  3. se sul Galaxy S7 risulta abilitata la cifratura, formattare la partizione /data (ext4) e riavviare il telefono rientrando subito nella recovery TWRP (attenzione, questo passaggio eliminerà tutti i dati personali sul telefono)
  4. flashare da recovery la versione SuperSU 2.79-SR3
  5. riavviare il telefono (il primo boot potrebbe impiegare diversi minuti)

In questo modo però la memoria del Galaxy S7 non risulterà più criptata.
Per ovviare invece al problema della formattazione dei dati, Chainfire suggerisce di effettuare prima un backup della partizione /data con il suo tool FlashFire e ripristinarlo al termine dell’intera procedura (in questo modo verranno conservate tutte le impostazioni di sistema, comprese quelle sulle impronte digitali).

Speriamo che Chainfire riesca a superare presto anche quest’altro ostacolo.

Voi pensate di effettuare il root del vostro Galaxy S7 o visti i tanti inconvenienti preferite lasciarlo come Samsung l’ha fatto?