twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Mar 192015
 

Volete sapere come è fatto dentro il nuovo Galaxy S6 della Samsung, il primo dispositivo della serie Galaxy S ad avere una batteria non removibile?

Ce lo spiega il sito MyFixGuide illustrandoci passo passo anche la procedura di smontaggio.Samsung-Galaxy-S6-Teardown-1

Innanzitutto per rimuovere la cover posteriore, che è incollata al telaio, occorre utilizzare una pistola termica o phon abbastanza potente

Samsung-Galaxy-S6-Teardown-2 Samsung-Galaxy-S6-Teardown-3

Dietro la cover è presente un rivestimento nero. Si tratta di uno strato di adesivi che hanno anche la funzione di raffreddamento.

Samsung-Galaxy-S6-Teardown-4

Per smontare il telaio centrale occorre ora svitare tutte le viti a vista.

Samsung-Galaxy-S6-Teardown-5 Samsung-Galaxy-S6-Teardown-6

Il grosso circuito nero è il chip per le comunicazioni NFC.

Samsung-Galaxy-S6-Teardown-8

Il lavoro non è finito. Ora rimane il telaio principale che ospita tutti gli altri componenti fissati sempre tramite viti.

Samsung-Galaxy-S6-Teardown-9 Samsung-Galaxy-S6-Teardown-10

Ecco di seguito la batteria del Galaxy S6, da 2550 mAh, 3,85v e 9.82 wh (quella del Galaxy S6 Edge è di 2600 mAh).

Samsung-Galaxy-S6-Teardown-11

Qui vediamo la fotocamera anteriore e quella posteriore.

Samsung-Galaxy-S6-Teardown-12

Sulla parte anteriore della scheda madre troviamo il processore Exynos 7420 e le memorie.

Samsung-Galaxy-S6-Teardown-13

Sulla parte posteriore ci sono invece tutti gli altri chip e sensori vari. Quello audio è un WolfsonMicro WM1840.

Samsung-Galaxy-S6-Teardown-14

Il teardown di MyFixGuide si ferma qui e purtroppo non mostra i particolari del display.

Ovviamente non provate ad eseguire anche voi questo tipo di operazioni.
Oltre a rischiare di danneggiare qualcosa o di non riuscire a riassemblare tutti i pezzi come prima, potreste invalidare seriamente la garanzia.

Trovate l’articolo originale con maggiori dettagli direttamente presso il sito myfixguide.com.

 

via gsmarena.com