twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Feb 082015
 

Sono davvero tante le presunte foto, specifiche e dettagli vari emersi fino ad oggi sul Galaxy S6, il dispositivo mobile più atteso di questa prima parte dell’anno.

Noi di androidgalaxys.net ci siamo limitati a divulgare solamente le notizie più probabili, ignorando completamente tutte le altre come ad esempio quelle diffuse di recente dai produttori di cover nonostante le loro immagini abbiano avuto un gran successo in giro per il web.

L’ultima in ordine di tempo, che vedete di seguito, non si fa mancare nulla dato che oltre al Galaxy S6 classico mostra addirittura un Galaxy S6 Edge (l’ultimo a destra) e Dual Edge (il penultimo a destra).

galaxy-s6-s6-edge-cover

C’è chi le scambia per fotografie vere e proprie, chi per immagini interne rubate, ma in verità non si tratta altro che di normali render creati dagli stessi produttori sulla base delle informazioni provenienti dai vari rumor del momento. Il tutto solo per farsi pubblicità gratuita cercando di sfruttare la popolarità del Galaxy S6.

Ecco una panoramica di quelli più famosi (immagini via phonearena.com):

Ma perché mai la Samsung dovrebbe comunicare ad aziende esterne (tra l’altro concorrenti visto che anch’essa produce cover) informazioni così riservate su un suo prodotto di punta che cercherà di mantenere nascosto fino alla fine?

Possibile poi che produrre “qualche centinaio” di cover richieda più tempo che produrre milioni di smartphone, tanto che alcuni dettagli devono essere resi noti ad aziende esterne addirittura mesi prima dalla loro commercializzazione?

Ad oggi nessun rumor è mai riuscito a svelare con largo anticipo dettagli importanti sui principali modelli Galaxy e in un modo o nell’altro alla fine la Samsung è sempre riuscita a sorprendere tutti.

Anche in senso negativo, come ad esempio lo scorso anno quando a dispetto delle tante novità preannunciate è stato poi presentato un dispositivo che per molti sapeva di “già visto”.

E se anche quest’anno accadesse lo stesso? Ovviamente speriamo di no.