twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Ott 022013
 

 

Secondo le stime di Techinsights, il costo di produzione del Galaxy S4 e Note 3 si aggirerebbe intorno ai 160€.

I tecnici del noto portale dedicato ai teardown dei dispositivi elettronici più diffusi sono riusciti infatti ad identificare tutti i componenti utilizzati da Samsung e trovarne il relativo prezzo.

costo-produzione-samsung-galaxy

Come prevedibile, le parti più costose sono lo schermo (touchscreen e vetro) e il processore.

Per il Galaxy S4 si parla di un totale di 214 dollari (circa 158€), mentre per l’ultimo Galaxy Note 3 si arriva a 232 dollari (circa 171€).

 

Sottolineiamo però che queste cifre sono soltanto delle stime fatte da un’azienda che non ha alcun rapporto con Samsung e che tengono in considerazione solamente il costo della materia prima, senza considerare quindi le spese inerenti alla ricerca, allo sviluppo e al marketing .

 

via androidauthority.com fonte techinsights.com

 

  • Ale

    180€? Ma figuriamoci, allora costerebbe 1000 e passa euro dal negoziante sotto casa, ma non costano neanche un terzo al produttore, il prezzo del bene è definito dal costo della materia prima + quello della manodopera tutto quello che è in più ce lo mette il venditore, samsung produce quasi tutto in casa credo che sia l'azienda a cui costi meno in assoluto, apple paga di più perchè compra tutto da terzi e di conseguenza deve tenere prezzi più alti anche se comunque un iphone sempre 60$ lo pagano

    • Mario

      Davvero credi che Apple spenda così tanto in più? In funzione degli ordini di ogni singolo pezzo ci sono delle scontistiche maggiori. Generalmente il margine di un produttore non è molto differente da quello di un venditore. Corrisponde a circa il 20% in media. Io ho lavorato presso un distributore di informatica ed elettronica e spesso e volentieri non avevamo margini oltre il 10%, spesso preferivamo andare in perdita su alcuni prodotti per recuperare su altri. Un dispositivo Apple mediamente ha un margine pari al 5% quando vedi i famosi 599, mentre su un Samsung mediamente guadagnavamo il 20% se acquistavamo a buon prezzo davvero altrimenti non superava il 13-15%. Questo per farti capire che mediamente un device come un S4 mini che sul mercato trovi a 359 mediamente un venditore lo paga (BENE) a 295€. Detto questo, tieni conto del fatto che generalmente il costo maggiore in un device è il display e qui è ampiamente dimostrato! Idem il processore! Il costo di 230 dollari è perfettamente ragionevole considerando che poi si vanno ad aggiungere i costi di distribuzione e di ricerca, le valutazioni in merito ai tassi di guasto attesi e quindi all'assistenza da offrire. Dunque il produttore vende maggiorato al distributore considerando questi fattori. A questo devi aggiungere il guadagno di tutti i distributori e fornitori prima del rivenditore e i costi di distribuzione. Il produttore valuta spesso anche il prezzo di vendita al distributore sulla base di una scelta di posizionamento del mercato. Ci è capitato spesso di acquistare direttamente dal produttore (Samsung Italia, Olidata, Asus ecce ecc) e ci trovavamo a pagare con sconti del 30% rispetto ai normali prezzi di vendita degli altri distributori (vendita distributore-distributore). Applicando la nostra marginalità del 20% rientravamo in un prezzo di vendita al pubblico pari al 10% in meno rispetto agli altri rivenditori (facevamo anche vendita al dettaglio). Dovendo rivendere lo stesso prodotto ad un rivenditore invece ci trovavamo ad applicare la scontistica del 12% e il rivenditore si lamentava che non riusciva ad attuare prezzi come i nostri perchè doveva applicare il suo 20%. Scusa il dilungamento, era per farti capire le dinamiche di vendita e di distribuzione a cosa possono portare. Spesso si colpevolizza il venditore più del dovuto.

  • P_And

    si ..cmq è una rapina.. al prezzo che lo fanno vendere…
    voglio metterci altri 200 euro per spese inerenti alla ricerca, allo sviluppo e al marketing..e credo che sia ben pagato.. ma invece … devono sparare alto altrimenti non verra considerato tel di fascia alta…ormai siamo in quell'ottica li

    • riccardo

      E sennò che ci guadagnano? 10 dollari a cell? Non bastano per tutti i dipendenti!

  • Soundpost

    Quoto in pieno Mario. Aggiungo che comunque sia il prezzo è classicamente generato anche dal rapporto fra domanda e offerta: finché in tanti si accalcano ad acquistare il prodotto del momento appena esce, addirittura facendo file in notturna davanti ai negozi, è naturale che il prezzo rimanga alto, poiché la domanda è alta. In seguito, la domanda cala e, di conseguenza il prezzo scende, per compensare il calo di domanda e tenere alte le vendite.
    Quindi più che di rapina parlerei di auto-rapina: il comportamento dei consumatori, che fino a prova contraria sono tutti liberi e consenzienti quando fanno un acquisto, ha un ruolo importante nella formazione dei prezzi.
    Del resto all'estremo opposto ci sono quei prodotti che non destano interesse nel pubblico, la domanda rimane bassissima e dopo poco tempo spariscono dal mercato. In mezzo ci sono i prodotti che destano un interesse medio (anche per le loro caratteristiche medie) e che quindi mantengono un prezzo non estremo, sia in alto che in basso.

  • Alfonso

    Scusate la dissertazione, ma sono del mestiere e spero di dare un valido contributo.
    Spezzo il tema in più post data la lunghezza, scusatemi per questo.

    Nelle strategie commerciali, dicesi "marketable price" il prezzo a cui un'azienda stima di poter vendere sul mercato un bene, cioè di poter essere vincente rispetto alla concorrenza sul fattore prezzo. Quindi il prezzo di quel bene viene stabilito in partenza, al concepimento del prodotto. A quel punto, dati i costi "fissi" che l'azienda sostiene comunque e non puo' eliminare e che ribalta sui costi "indiretti" del prodotto (stipendi, infrastrutture e fabbricati, costi energetici, ecc.), l'azienda valuta il miglior compromesso tra i costi "diretti" (quelli della componentistica da produrre o da acquistare) e il profitto che vuol conseguire. Puo' decidere di andare su componenti di maggior qualità (e costo) riducendo il profitto, oppure su componenti di minor qualità (e costo) aumentando il profitto.
    CONTINUA…

  • Alfonso

    … SEGUE
    Il GS2 ha seguito il primo criterio, perchè in quel momento bisognava contrastare Apple, il GS3, il GS4 e i vari Note il secondo criterio, perchè ormai la porta era stata aperta. La prova? Il GS2 nel tempo si è svalutato percentualmente molto meno di quanto si sono svalutati o si svaluteranno gli altri dispositivi che ho citato, questo perchè il margine sul GS2 era minore (ossia la qualità molto alta, infatti puo' ancora competere oggi con molti top di gamma).
    Dopo il GS2, i top di gamma sono usciti a prezzi sempre piu' alti, avendo Samsung stimato essere comunque "marketable price": infatti ha venduto tantissimo lo stesso, anzi di piu'.
    CONTINUA…

  • Alfonso

    …SEGUE
    In conclusione, al debutto di un prodotto il produttore alza fittiziamente il "marketable price" (facendo un profitto più alto del pianificato), sfruttando l'onda della novità. Ma se dopo un mese il prezzo scende anche di 100 euro, non pensiate che sia solo per efficienze nella produzione (in un mese?): è solo perchè le vendite non sarebbero più spinte dall'entusiasmo della novità e quindi l'azienda riposiziona il "marketable price" al valore inizialmente progettato. Via via che passa il tempo, l'azienda abbassa i prezzi riducendo il proprio profitto pur di far fuori tutte le scorte di produzione prima di passare al nuovo prodotto. Il minor profitto degli ultimi tempi è generalmente compensato dal maggior profitto dei primissimi tempi, quindi nell'intero ciclo di vita del prodotto il "marketable price" medio e il relativo profitto medio rispettano la misura in cui erano stati inizialmente progettati.

    Ho terminato.

    • androidgalaxys

      Grazie per il tuo ottimo intervento 😉

  • Massimo

    Ottimo ed esaustivo l'intervento di Alfonso. Quoto tutto.

    Come avete confermato voi, androidgalaxy.s, il prezzo di un oggetto non può essere subordinato SOLO al suo intrinseco valore del materiale usato per produrlo. C'è una progettazione da pagare, nuove macchine per produrlo, l'energia elettrica spesa durante il ciclo produttivo, i dipendenti da pagare e… tanto altro ancora.

    E' altresì ovvio che il prezzo proporzionalmente scenda all'aumentare del tempo trascorso dal momento dello sviluppo anche e soprattutto perchè, a quel punto, tutte le spese affrontate per crearlo (quelle sopra citate) sono ormai state ampiamente ammortizzate con le vendite.

    Lavoro in un'Azienda che produce pannelli in MDF (si veda su Google chi non sa di cosa sto parlando). Beh… a vedere un Pannello così com'è ci si spaventa davvero quando, in negozio, se ne va a vedere il prezzo. Il ciclo produttivo per creare quel pannello è davvero Enorme ed impressionante a livello sia tecnico, che di complessità. Credetemi che la materia prima diventa, a quel punto, una spesa "quasi trascurabile".

  • Soundpost

    Grande Alfonso, quoto alla grande!

  • andrea

    Interventi come quelli sopra sono davvero piacevoli da leggere, fanno riflettere e si impara qualcosa. Altro che dissertazioni inutili sul "processore che scalda troppo" o sul "megapixel in meno rispetto ad xy". Grazie davvero ! 🙂

  • Alfonso

    Grazie a tutti, sono lieto che l'intervento abbia suscitato interesse.
    Del resto, questo sito è di gran lunga il migliore nel web sul mondo Samsung e dintorni grazie alla qualità e originalità degli articoli pubblicati dal Master e per la conseguente attenzione e competenza dei frequentatori. Aggiungo, perciò, un mio grande plauso al Master del sito. 🙂

  • alex

    E i costi di ricerca e sviluppo del prodotto? Questi intelligentoni che hanno compilato la stima hanno tralasciato una voce fondamentale.. quella piu importante direi.. Produrre un terminale del genere non è come produrre una sedia o un lampadario dove vai a sommare il costo dei materiali piu' manodopera.. ove c'e' poco da studiare e inventare.. alla base di questi prodotti ci sono ricerche impressionanti che hanno costi ben maggiori delle materie prime stesse.. bisogna riflettere prima di sparare sentenze…

  • Kib

    Ma, scusa, sedia e lampadario non hanno forse ricerca e sviluppo alle spalle? Credi forse che vengano fabbricati dal primo venuto che si approvvigiona unicamente di plastica o vetro? Nell'articolo è ben specificato che sono considerati solo i costi delle materie prime e l'eccellente commento di Alfonso qui sopra spiega tutto il resto.