twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Apr 192015
 

UU AppPurifier è un’app che promette agli utenti che la installano di salvaguardare la propria privacy contro i programmi che richiedono troppi permessi e anche di migliorare le prestazioni del dispositivo in uso bloccando i processi in esecuzione, il tutto senza possedere i permessi di root.

UU AppPurifier

L’interfaccia pur essendo al momento solamente in lingua inglese è molto chiara e pulita, quindi utilizzabile facilmente anche dai meno esperti.

UU AppPurifier (10)

Attraverso la sezione Boost l’utente ha la possibilità per tutte le app da lui installate di bloccare i processi che si avviano da soli nella fase di boot (Autorun), i processi che normalmente girano in background (Background Service) e anche le varie notifiche che vengono generate dai programmi (Notification).

UU AppPurifier (7) UU AppPurifier (3)

Nella sezione Privacy si potranno invece bloccare quei permessi più delicati richiesti dalle applicazioni, come ad esempio quello per l’accesso alla rubrica, la possibilità di inviare messaggi, effettuare telefonate e altro ancora (attenzione, alcune app potrebbero non funzionare più senza i permessi rimossi).

UU AppPurifier (4) UU AppPurifier (13)

Disquise invece ci permette di mascherare il modello del nostro telefono o la località in cui si trova a livello di singola applicazione, utile ad esempio per usare programmi sviluppati per determinati dispositivi o paesi.

UU AppPurifier (16) UU AppPurifier (15)

Per ottenere tutto questo senza richiedere i permessi di root UU AppPurifier utilizza l’unico stratagemma possibile al momento con android, ossia quello di modificare in locale gli apk delle app e reinstallarli in automatico.

UU AppPurifier (5) UU AppPurifier (11) UU AppPurifier (2)

Purtroppo questo comporta anche l’impossibilità di continuare ad aggiornarli regolarmente dal Play Store, ma l’autore ha promesso delle soluzioni alternative a breve.

UU AppPurifier è arrivato sul Play Store solamente da poco, quindi al momento non vi dovesse soddisfare vi consigliamo di tenere d’occhio i suoi futuri aggiornamenti.

GOOGLE PLAY | UU AppPurifier

  • Paolo

    L’applicazione è interessante, ma l’impossibilità di aggiornare le applicazioni perchè modificati in locale fa perdere un pò la voglia di provarla. A chi non piace avere sempre le app aggiornate?

  • firefox82

    Questi sistemi sono ridicoli perché modificando l’apk e cambiando la firma si perde l’aggiornamento e il funzionamento di tutto quello ad essa in qualche modo legato, come iap o servizi in-app google maps, drive ecc… Lasciate perdere, non scaricate app se hanno servizi inutili e/o strani e comunque lamentatevi con lo sviluppatore di turno e richiedete in modo esplicito il motivo di quei permessi. Quelli seri queste cose le scrivono in modo chiaro, chi ha qualcosa da nascondere invece si guarda bene dal dire certe cose.

  • FEDERICO

    salve un programma che ha bisogno di root dato che io l ho ruttato quale è?

    • Mauro

      Mi pare Titanium?

    • franky29

      Hahaha ruttato lol

  • Mauro

    Mi pare di capire che chi non vuole rootare si deve accontentare di queste cose. L’app però è fatta bene.

  • Tersicore1976

    Per quanto riguarda i “permessi” bisogna anche “capire” perché un’app ha bisogno dei “leggere la rubrica”, oppure accedere agli SMS ecc… Io ho un programma per il monitoraggio delle spese domestiche, e semplicemente legge dalla rubrica, la configurazione del mio account generato al momento dell’attivazione del cellulare (account di Google) in modo che quando devo attivare l’account per avere il tutto salvato sui loro serve debba mettere solo la password, in quanto mi fa comparire il mio indirizzo gmail in automatico… Poi è ovvio che se non ho usato quello posso metterlo a mano io, ma l’autore ha pensato di rendere più servizievole il programma… Altri esempi ce ne sono a bizzeffe… Un programma per il palinsesto TV che accede al calendario: ovvio, posso in automatico segnarmi l’appuntamento di un fil che voglio vedere…
    Poi per le app che partono a l’avvio… Ci sarò un motivo per cui partono, no? Inoltre senza root non si può fare nulla per i servizi inclusi già da Samsung nel SO, e di fatto sono l’80% della roba che parte in automatico.

    • Elim 1

      D’accordo con te, ma purtroppo non tutte le app sono scritte come si deve e quindi è l’utente che si deve un po’ arrangiare.
      Sarebbe bello se android avesse già di suo qualche cosa del genere, un po’ come le cyanogen.

    • Tersicore1976

      Però è anche vero che molti sviluppatori mettono nelle info delle loro app il perché vengono richiesti determinati permessi, mentre altri scrivono poco o nulla, lasciando l’utente nel dubbio. Io non voluto mettere la Beta di Here (Navigatore di Nokia) perché nessuna ha saputo dirmi il motivo per cui un navigatore debba poter inviare ed avere accesso agli SMS… Ok, era una beta e si scaricava non dallo store di Samsung, ma da altre parti… Ma non è cambiato il comportamento dell’app quando volevo installarla… SMS? Che motivo c’è? boh..

  • Stefano

    L’ho provata su s5 senza root e dopo aver “purificato” tutte le app possibili non ne funzionava più nessuna, sì arrestano all’avvio. Ho dovuto reinstallarle tutte. Con i tutti i problemi del caso. Attenzione 😉

    • Zack Wang

      Sorry for delay of response and sorry for the inconvenience we brought. Would like to ask some details. What’s the Android version of your phone. We will check into it. You can also contact us via [email protected].

  • Zack Wang

    Dear users,

    About the update of purified apps, we already have a solution and it will come up in next version.

    Please contact us via [email protected] if you have any question 🙂

  • Yana Li

    Hi Zack,
    I’m Yana from UU, do you have an email. We hope to introduce u more of our products and hope you pay attention on us in the future. My email is: [email protected] Hope can receive your email. Thanks.