twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Dic 152016
 

Come sappiamo dalle parole del vice presidente e altri importanti dirigenti della società, il prossimo anno Samsung Electronics punterà fortemente sull’intelligenza artificiale, questo grazie anche ad una tecnologia molto avanzata sviluppata dalla società VIV Labs acquisita soltanto qualche mese fa.

viv-intelligenza-artificiale

Il suo debutto è previsto proprio con il lancio dei Galaxy S8, ma ad ostacolare i progetti della casa koreana ora ci si mette Google.

Da quanto si apprende infatti da alcuni rumor, al colosso del web non piacerebbe affatto questa decisione in quanto il prossimo nuovo assistente vocale dei Galaxy entrerà in diretta competizione con Google Assistant, un progetto su cui Google ha puntato molto e che con Nougat 7.1.1 dovrebbe arrivare su un numero maggiore di smartphone Android (per ora lo troviamo solo nei Google Pixel).

google-assistant

A complicare il tutto ci sono poi dei brevetti condivisi dalle due società nel 2014 e che Google potrebbe sfruttare a proprio favore.

Per ora della tecnologia VIV non si conosce praticamente nulla, ma stando alle parole di chi ha avuto la possibilità di vederla all’opera si è dimostrata davvero valida anche nel comprendere domande di una certa complessità.

Vedremo come finirà questa storia. Ricordiamo che già in passato Google e Samsung si erano scontrati per divergenze sulla particolare interfaccia Magazine UX dei tablet Galaxy, poi ridimensionata dalla società koreana con il passare degli anni.

touchwiz-magazine-ux-3

 

fonte theregister.co.uk, via bgr.com

  • fra

    se Samsung deve uscirsene con un altra porcata come S-Voice che funziona una volta su 10, beh meglio cosi.

    • centrale

      Con l’acquisizione di Viv Labs la qualita del software non rimarrà al livello di S-Voice. Google come sempre deve far prevalere il suo software, e adesso scopro, che il suo Assistente non è più esclusiva dei Pixel e sarà dato anche ad altri dispositivi Android.

    • virtual

      Bisognerà vedere però se Viv Labs supporterà tutte le lingue; magari è sì superiore, ma solo con l’inglese…

    • centrale

      Non penso non abbiano provveduto ad estendere le loro competenze per altre lingue.

  • LucaS5

    Allora google faccia un assistente vocale migliore della concorrenza.
    Troppo comodo voler imporre un prodotto inferiore.

    • lelek68 ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

      concordo!

  • andrea55

    Questa è la prova per chi crede ancora che Android sia open source

    • firefox82

      Android è open source, basta usare la versione AOSP. Nel momento in cui vuoi offrire agli utenti la possibilità di usare play store & co. devi sottostare alle politiche di Google.

    • andrea55

      Esattamente, siccome un telefono senza play store non può vivere è un ricatto bello e buono, soprattutto se fatto a scopo di lucro nel momento in cui una tecnologia concorrente è migliore della sua e non per motivi tecnici

    • firefox82

      Esistono anche storie alternativi, molte rom cinesi sono basate sulla versione AOSP.

    • andrea55

      Non c’è la sicureza del play store, per uso quotidiano da parte di chiunque è improponibile.
      Certo le Gapps si possono installare a parte ma è un’operazione illegale, un conto è farlp su due telefoni cinesi o qualche rom ( in questo caso la responsabilità è personale), altra cosa è farlo su milioni di telefoni di un marchio in vista, denunce come se piovesse

    • firefox82

      Google fa valere sul mercato il proprio peso. Questo non cambia la natura del sw, sempre open source rimane.

    • andrea55

      In generale si ma sugli smartphone no, non stiamo parlando di una violazione di accordi ma di qualcosa che non piace a Google e quindi punisce non certificando il firmware, è un ricatto bello e buono.
      Google unico detentore di servizi essenziali nonchè creatrice di Android non può decidere di non certificare il sistema perchè non piace l’interfaccia o ha paura che app di terze parti, migliori delle sue, le facciano concorrenza.
      Far valere la propria posizione?
      Hanno sbagliato sistema, non possono inpedire lo sviluppo di applicazioni su un software open source, al massimo possono obbligare ad integrare ANCHE le loro app ma dal momento in cui si va a modificare o limitare il lavoro sul sistema non è più open source.
      Allora adesso vietiamo alle Volkswagen e Audi di fare carburante perchè sono brutte…

    • firefox82

      Puoi scaricare il software? si. Puoi modificarlo? si. Puo ridistribuirlo? si. Quindi è open. Poi il discorso su Google ci può stare, ma Android sempre open è.

    • andrea55

      Si in generale resta open, ci mancherebbe, se serve il play store si chiude un po’

    • firefox82

      Diciamo che Google potrebbe essere più permissiva visto che mettendo il play store si va a finanziare Google stessa alla fine, ma al momento così é

  • V-man

    Saperlo prima no !?!? Magari si risparmiano milioni di dollari !!

    • centrale

      Samsung fa quello che vuole sul suo software. Che Google lo voglia o no.

  • Kratox

    ma perche dovrei usare un assistete vocale della samsung. cioè perche dovrei usare qualsiasi servizio samsung. io voglio il loro telefono, la loro fotocamera, il loro software della fotocamera e BASTA

  • Tiwi

    non capisco questa guerra tra assistenti…xk non si mettono insieme e ne fanno uno fatto davvero bene??
    e anche ci fosse concorrenza, che problema ci sarebbe..un po di concorrenza non ha mai fatto male a nessuno