twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Nov 082017
 

Dopo quasi una settimana di utilizzo, oggi vogliamo condividere con voi le nostre impressioni sul primo aggiornamento per i Galaxy S8 basato su Android Oreo che Samsung ha rilasciato attraverso il suo programma di beta testing Galaxy Beta (quindi non ancora disponibile ufficialmente per tutti gli utenti).

NOVITA’

Come vi abbiamo già anticipato le novità previste con Android Oreo sono diverse, alcune sviluppate da Google (link panoramica) e altre direttamente da Samsung (link panoramica).

Rispetto però ai precedenti major update arrivati in questi anni sui Galaxy (Lollipop, Marshmallow e Nougat), questa volta non troviamo alcuna nuova interfaccia grafica in quanto il produttore koreano ha preferito confermare la stessa già presente nei dispositivi con Samsung Experience 8.x (link panoramica).

PRESTAZIONI & STABILITA’

Per essere solamente un primo firmware basato su una versione Android completamente nuova, tra l’altro ancora in fase beta, le prestazioni si possono considerare già soddisfacenti.
Anzi, dal passaggio da Nougat a Oreo in questo senso non abbiamo notato proprio alcuna differenza. Una buona notizia se consideriamo che in quanto a fluidità e velocità il Galaxy S8 può ritenersi il miglior smartphone Android della Samsung.
Almeno per ora, perché come già capitato lo scorso anno con le beta di Nougat le prestazioni con i successivi firmware potrebbero sempre peggiorare.

Niente da segnalare neppure per quanto riguarda la stabilità. Dopo sei giorni di utilizzo quotidiano sul nostro Galaxy S8 non si è registrato mai alcun crash o anomalia particolare del sistema operativo.
Inoltre la gestione della memoria RAM nell’utilizzo del multi tasking (nei Galaxy S8 meno problematica rispetto ai precedenti modelli ) appare ulteriormente migliorata (seppur in maniera sensibile).

A dare problemi però potrebbero essere alcune app di terze parti non ancora ottimizzate per Android Oreo.
Del resto neppure quelle di Samsung lo sono già. Ad esempio con Smart Switch Mobile, il tool per il backup, abbiamo avuto qualche problema con il ripristino delle applicazioni (ne saltava un bel po’, ma siamo riusciti a risolvere rapidamente con il ripristino via Samsung Cloud).

BATTERIA

Ed ora veniamo al punto che forse interesserà di più la maggior parte di voi, ossia la batteria.
Solitamente non è facile notare ad occhio nudo i cambiamenti apportati da un nuovo aggiornamento.

Con questo primo firmware Oreo però la situazione è davvero drammatica. Nel nostro caso rispetto ai precedenti firmware Nougat per i Galaxy S8 l’autonomia si è addirittura quasi dimezzata.
Se prima con un utilizzo blando riuscivano a raggiungere due giorni, ora dopo neanche 24 ore arriviamo già allo 0% (più volte ci siamo ritrovati con il telefono completamente spento). Se invece con un utilizzo più intenso prima riuscivamo ad arrivare almeno a fine serata, ora dopo 12 ore siamo già costretti a ricaricarlo.

Difficile poi capire la causa esatta visto che anche su Android Oreo le statistiche della batteria sono praticamente inutili e fuorvianti (e in questo primo firmware beta anche “buggate”).

Escludendo un battery drain da parte di app di terze parti (anche a telefono vuoto non cambia quasi nulla), la colpa è sicuramente da attribuire al sistema (processi Google o Samsung?).

E a giudicare dalle impressioni da parte degli altri utenti sul web il nostro purtroppo non è un caso isolato.

Insomma in questo firmware qualche anomalia c’è sicuramente, ma ciò non deve stupire affatto. Ricordiamo infatti che stiamo parlando solamente di una prima versione beta e sicuramente la situazione non rimarrà questa.