twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Dic 222012
 

 

In questi giorni, sul web, si è diffusa una notizia secondo la quale molti Galaxy S3 sarebbero soggetti ad una morte improvvisa (sudden death) dovuta ad una scheda madre difettosa, che si verificherebbe entro un determinato periodo di tempo dall’acquisto (150-200 gg).

E’ tutto vero o non si tratta altro che di una delle solite profezie in stile Maya?

Incuriositi, abbiamo provato ad effettuare qualche indagine in merito.

Secondo i vari siti che ne hanno parlato, la ‘prova scientifica che dimostrerebbe la gravità della cosa e che dovrebbe far rabbrividire Samsung, sono i tanti interventi (per ora circa 660) effettuati in una discussione su Xda.

Anche se il loro numero non ci sembrava affatto così esagerato, considerando le oltre 80.000 visite ricevute dal thread a partire dal 15 novembre, abbiamo deciso di esaminarli uno per uno (fermandoci però ai primi 500! ).

Come avevamo immaginato, gli interventi che riguardano persone che hanno riscontrato effettivamente un problema (di qualsiasi tipo) sono molte di meno, circa 98 (su 500!).

Inoltre, tra questi solo 70 (!) rientrano veramente nei casi di morte improvvisa.
Per gli altri si tratta infatti più di un problema software o comunque risolvibile senza ricorrere all’assistenza tecnica (c’è anche chi ha segnalato riavvii improvvisi ma poi ha scoperto che la causa era la custodia troppo aderente!).

Difficile anche affermare con sicurezza che il sudden death si verifica tra i 150-200 giorni, visto che i tempi segnalati dagli utenti di xda sono più ampi e sono capitati anche nel primo mese dell’acquisto (del resto 200 giorni equivalgono a 6 mesi e il Galaxy S3 non può averne di più!).


A nostro avviso non è neanche corretto parlare di morte improvvisa.
Gran parte di quelle 70 persone avevano “modificato” il loro telefono e a quasi tutte il problema è capitato per problemi di ricarica, in particolare per averlo lasciato tutta la notte attaccato all’alimentatore o utilizzandolo con accessori non originali (non ci addentreremo in questi argomenti, ma si tratta di operazioni sconsigliate dalla stessa Samsung).


Non stiamo certamente dicendo che il problema non esiste, in questi anni anche qualche nostro lettore ci ha segnalato episodi del genere.
Ma considerando le oltre 30 milioni di unità di Galaxy S3 in commercio, i numeri emersi sono assolutamente poco significativi e insufficienti per avere una casistica affidabile.

Del resto la morte improvvisa capita anche ad altri dispositivi elettronici del genere (una rapida ricerca su Google lo può dimostrare).
Al momento, quindi, l’allarmismo creato è del tutto infondato, frutto soltanto di speculazione e disinformazione.

Non ci resta che attendere la prossima profezia Maya, che con il Galaxy S3 non mancano proprio mai.