twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Mag 072014
 

Il Galaxy S5 è stato il primo smartphone a prevedere al suo interno un sensore specializzato per la rilevazione del battito cardiaco, utilizzato poi dalla Samsung anche negli smartwatch della serie Gear 2 e Fit.

Per poter avere una funzione simile sul proprio telefono non è però indispensabile la presenza di un sensore dedicato, ma è sufficiente una qualunque applicazione in grado di sfruttare la fotocamera e il flash led.

battito-cardiaco-smartphone-fotocamera

Ma come è possibile il riconoscimento del battito con un telefono?

A spiegarcelo è la stessa Samsung attraverso il suo blog internazionale.

Il cuore del corpo umano a causa della differente pressione pompa il sangue all’interno dei vasi sanguigni ad una velocità diversa e di conseguenza quando il dito viene appoggiato sopra il flash led il modo in cui la luce viene riflessa varia.

Seppur sensibili queste piccole variazioni prodotte in un breve arco di tempo vengono lette dalla fotocamera o dal sensore e poi convertite per ottenere la nostra frequenza cardiaca.

Un principio molto semplice che la Samsung ha deciso di di adottare per migliorare la propria applicazione S Health in modo che possa aiutare l’utente ad ottenere informazioni più precise sul suo stato di salute e sull’allenamento effettuato.

S-Health-3.0

 

Per chi volesse provare sul proprio telefono il riconoscimento del battito cardiaco attraverso la fotocamera e il flash led suggeriamo l’applicazione Runtastic Heart Rate.

In ogni caso i risultati certamente non possono essere paragonati a strumenti professionali quindi è bene non prendere troppo sul serio queste funzioni.

 

Per approfondimenti sull’argomento consigliamo un interessante articolo in inglese del sito ignaciomellado.es.