twitter androidgalaxys.net feed rss androidgalaxys.net youtube androidgalaxys.net email androidgalaxys.net

Ago 312015
 

Abbiamo già visto come con Doze e l’App Standby Google intenda seriamente migliorare l’ottimizzazione energetica il suo sistema operativo mobile.

Tra le novità previste su Android Marshmallow riguardanti sempre la batteria ce n’è però un’altra spuntata soltanto nell’ultima preview 3 che sebbene di importanza minore rispetto alle precedenti potrebbe comunque fare felici molti possessori di un telefono android.

Si tratta del valore del consumo della batteria in mAh, che sarà riportato tra le statistiche di ogni singola app.

statistiche batteria android 6

Da sempre su android il valore del consumo espresso in percentuale è stato spesso fonte di confusione soprattutto per gli utenti neofiti nel tentare di capire con esattezza quali fossero i componenti o le applicazioni più esose dal punto di vista energetico.

Con questo cambiamento le statistiche potrebbero diventare un po’ più chiare, ma occorre però tenere presente che si tratterà sempre di una stima interna del sistema operativo e non del valore effettivo di consumo.

 

via androidpolice.com

  • Ma551m0

    Non capisco l’utilità di avere conoscenza di un consumo espresso in Amperaggio.

    Il consumo espresso in Corrente di ogni Applicazione installata fornisce un’indicazione totalmente inutile ai fini di una percezione circa il suo consumo energetico. Indica il QUANTI mA consuma, ok, ma poi? Da quel dato l’utente che ne elabora?

    Alla fine Indica solamente un numero, numero utile all’utente solo dal momento in cui viene trasformato nuovamente in un valore espresso in percentuale. Bah… f

    • Danilo

      Un valore relativo come la percentuale non serve poi a molto, però ci saranno tutte e due quindi ben venga

    • Ma551m0

      Già… Grazie all’algebra Booleiana, applicata poi alla mappa di Karnaugh… I Milli Ampere/ora risultano molto più utili. Vero.

    • SmartComm

      Non sono mA, sono mAh, quindi una stima dell’energia (dico energia in quanto la tensione é la costante di batteria) ciucciata dall’app in questione. Dividendo per il tempo hai la corrente.

      Ora, se hai un assorbimento anomalo, queste due informazioni ti permettono di individuare almeno indicativamente quale app sta drenando, sia confrontandoti con valori precedenti della stessa app sullo stesso telefono, sia confrontandoti con i valori di quella app magari sul telefono del tuo amico.

      Non hai certezza assoluta, vero, tuttavia hai indicazioni in piú per individuare l’app sospetta.
      Sennó riavvia il telefono e bona l’é.

    • Ma551m0

      L’assorbimento non fornisce alcuna info in più rispetto una percentuale circa il drenaggio di consumo energetico di una app.
      Già visualizzando una percentuale… manco star a fare divisioni (inutili).

  • TerryMaraAURORA 2012

    l’inutilità di ANDROID….

    • stambeccuccio

      bhè, insomma, mica tanto…

  • and17

    dopo il memory leak il bug 2016 sarà sulla cpu invece?

  • franky29

    sempre buono qualcosa di nuovo

  • Tiwi

    molto interessante

  • Tersicore1976

    Io non ho capito perché con la corrente ho poco a che fare… Ma di fatto indica “quanto ha preso di carica” dalla batteria nel tempo indicato? Cioè nell’esempio dello schermo, avendo una batteria da 3.300 sarebbero 11 ore di schermo prima di trovarsi a zero con batteria?
    Comunque resta il fatto che un utente non può passare al vaglio 100 e passa app e servizi per vedere chi consuma di più…

    • Ivan Baglioni

      La corrente è la carica elettrica che passa in un conduttore per unità di tempo, se moltiplichi per il tempo ottieni la carica totale che è passata nel conduttore in quel tempo…semplice….l’unità di misura standard della carica elettrica è il C, in pratica però si preferisce adottare gli Ah o i suoi sottomultipli perché è più facile misurare una corrente che una carica.

    • Tersicore1976

      Scusa, ma anche se mi hai spiegato il significato della “carica elettrica” non mi hai risposto al mio esempio: se per assurdo (come nell’immagine) ci fosse solo il monitor, vuol dire che nei 4m e 7s che si vedono nello screenshot lo schermo ha consumato 20 mAh? Quindi se ci fosse “solo lui” potrebbe arrivare a 11 ore?

      Comunque, forse l’ho detto in un altro forum, ma secondo me quello che serve per il neofita è poter vedere in tempo reale il consumo di un’app paragonata al grafico della batteria.
      Io mi sono accorto che c’era un’app che non mi faceva andare in Deep Sleep il Note 2014.
      Infatti al mattino appena uscito dallo stato di Stop (schermo spento => acceso) vedevo che di notte (linea blu) era rimasto attivo.
      Sono andato a vedere chi era l’app che consumava di più e ho visto un consumo anomalo di Evertone perché non lo uso e non è configurato. Ho tolto l’update e visto che era lei in effetti.
      Un po troppo macchinoso.
      Se sotto il grafico del “calo della batteria” oltre ad avere le voci di wi-fi, schermo attivo, attivo, in carica, ci fossero le app e i servizi che segnalano quando e quanto “hanno lavorato” e magari una divisione giorno e notte, sarebbe talmente semplice vedere al volo determinate informazioni.